Tom's Hardware Italia
Periferiche di Rete

Le e-mail non arrivano? Colpa della blacklist

Parecchi utenti si lamentano del fatto che alcune e-mail non arrivano. Svuotano il server di posta, ricontrollano le configurazioni del proprio network, effettuano dei test di velocità della connessione internet, cambiano i DNS e, addirittura, sostituiscono il router per cercare di risolvere il problema, che alla fine rimane. Spesso, infatti, la causa è l’indirizzo IP […]

Parecchi utenti si lamentano del fatto che alcune e-mail non arrivano. Svuotano il server di posta, ricontrollano le configurazioni del proprio network, effettuano dei test di velocità della connessione internet, cambiano i DNS e, addirittura, sostituiscono il router per cercare di risolvere il problema, che alla fine rimane. Spesso, infatti, la causa è l’indirizzo IP pubblico.

Ogni volta che si naviga, il router effettua la traduzione degli indirizzi di rete (NAT, Network Address Translation). A questo punto, ci viene assegnato un indirizzo IP pubblico. Per farla breve, si tratta di una sequenza di numeri che viene associata alla rete privata quando comunica con Internet. A differenza degli indirizzi IP privati, infatti, l’IP pubblico è univoco per ogni rete privata. Proprio per questo, viene assegnato da un Internet Service Provider (ISP). Potrà essere statico o dinamico, ma resterà pur sempre unico.

Indirizzi IP pubblici bloccati

email blacklist intro 1200x675

Il problema è che, a volte, gli indirizzi IP pubblici vengono inseriti in una Blacklist, ovvero in una lista nera. Questi elenchi vengono generati da software anti-spam e consultati dai provider di posta elettronica, i quali procedono a bloccare gli indirizzi IP sospetti al fine di proteggere gli utenti. Quasi sempre, i programmi anti-spam fanno il suo dovere. A volte, però, commettono degli errori, inserendo nelle blacklist anche indirizzi IP validi e creando così dei falsi positivi.

Test per controllare se l’IP pubblico è in una lacklist

email blacklist test

Per queste ragioni, un’e-mail potrebbe non essere recapitata al destinatario. Ma come si fa a sapere se il proprio indirizzo IP pubblico è stato inserito in una Blacklist? Innanzitutto, bisogna individuarlo. Per fare ciò, è sufficiente collegarsi al sito WhatIsMyIpAddress. Dopo averlo annotato, si può scoprire se il proprio IP è considerato spam collegandosi al sito MxToolbox. Basta digitare il proprio indirizzo IP pubblico e premere il pulsante “Blacklist Check”.

Se il risultato fosse negativo, quindi tutto su OK, il problema potrebbe derivare dall’indirizzo IP pubblico del server mail o da configurazioni sbagliate nel client di posta (programma per la lettura della posta elettronica, es. Thunderbird). Invece, se ci fossero delle segnalazioni in merito al proprio indirizzo IP, è probabile che i provider di posta elettronica dei destinatari stiano tracciando il tuo indirizzo IP in entrata, che a loro risulta essere spam. Proprio per questo motivo, il mail transfer agent (MTA) respinge l’e-mail. Se il problema persistesse, sarebbe meglio contattare il proprio ISP per indagare sulla faccenda e, qualora fosse necessario, cambiare indirizzo IP pubblico.