Software

Legittimità del sequestro preventivo di un sito

banner tom s legal 813643fc24538e60ff074e8dea9719c67

Con la sentenza n. 31022/2015 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno tentato di risolvere, attraverso un'attenta analisi, due questioni che di recente sono state interpretate in modo differente dai vari giudici: in primis, se è possibile sottoporre un sito web a sequestro preventivo e, in secondo luogo, quando quest'istituto possa essere applicato alle testate giornalistiche on line. Abbiamo chiesto un parere al Dott. Luigi Dinella dello Studio Legale Fioriglio Croari.

Il continuo sviluppo dell'informatica rende sempre più necessaria una costante attività del legislatore volta ad adeguare la normativa alle innovazioni tecnologiche. In alcuni casi, tuttavia, quest'attività può portare a una normativa frastagliata la cui interpretazione può apparire complessa: in tali casi, sono le Sezioni Unite della Corte di Cassazione a porre rimedio alle discordanze giurisprudenziali e a fornire un'interpretazione completa del quadro normativo che dovrà, successivamente, essere seguita dai vari giudici.

cassazione agenzialegale

Un esempio lampante della funzione svolta dalla Suprema Corte è offerto dalla sentenza che andrò ad analizzare e che mira a risolvere due importanti questioni di diritto molto dibattute negli ultimi tempi.

La prima è più generale e riguarda la possibilità di sottoporre un sito web o una "risorsa telematica" in generale a sequestro preventivo ai sensi dell'articolo 321 del codice di procedura penale (e senza ampliarne indebitamente i confini). Il secondo quesito, più specifico, concerne l'ipotesi dell'ammissibilità di un sequestro preventivo di una testata giornalistica regolarmente registrata on line con riferimento ai maggiori limiti che sono imposti costituzionalmente a questo istituto a tutela della stampa in generale.

Analizziamo separatamente le due questioni.

Il sequestro preventivo

Ai sensi dell'art. 321 c.p.p., il sequestro preventivo è una misura cautelare che può essere disposta in due ipotesi: o per evitare che la disponibilità di una cosa pertinente al reato possa far persistere o aggravare le conseguenze dello stesso, oppure per evitare che ciò possa agevolare la commissione di altri reati.

164401631 201ee727 74fb 4621 9325 70f265112c8a

Le Sezioni Unite, per stabilire se quest'istituto possa essere applicato a un sito web, devono prima chiarire due importanti temi. Il primo sta nella necessità di ricondurre la nozione di sito web, che rappresenta qualcosa di intangibile e immateriale, nel concetto di "cosa": a questo quesito la Corte risponde in modo affermativo, richiamando, a fondamento delle proprie ragioni, la normativa di Budapest sul "cybercrime", nella quale viene esplicitamente equiparato un dato informatico al concetto di "cosa pertinente al reato" prevista dall'articolo 321 c.p.p.

La questione più delicata tuttavia riguarda la possibilità di estendere a un sito web i confini del sequestro preventivo. Questo, infatti, nel codice di procedura penale è ricompreso tra le misure cautelari "reali", ovvero misure che determinano l'indisponibilità del bene per non pregiudicare una possibile sentenza di condanna, senza, tuttavia, imporre alcun "facere" all'imputato o a terzi (in questo caso al gestore del sito web che dovrebbe bloccare la pagina).

L'imporre un "facere" dovrebbe, infatti, essere caratteristica tipica dell'altro ramo delle misure cautelari, quelle "obbligatorie", e sarebbe inconciliabile con il sequestro preventivo. Tuttavia, le Sezioni Unite chiariscono che questo sia comunque possibile, in quanto la norma del codice di procedura penale in questione va necessariamente integrata con quanto disposto dal Dlgs. 70/2003.

Il decreto, riguardante "aspetti giuridici dei servizi della società dell'informazione" prevede (agli articoli 14, 15 e 16), tra l'altro, che l'autorità giudiziaria o amministrativa, in via d'urgenza, possa richiedere direttamente al prestatore del servizio (in questo caso il provider) di porre fine alle violazioni commesse sul proprio sito (dunque un "facere").

In ogni caso, ai fini dell'applicazione della misura cautelare, il giudice deve valutare la persistenza dei requisiti del "fumus boni iuris" (le risultanze processuali devono essere tali da indirizzare verso una possibile condanna in via definitiva) e del "periculum in mora" (alta probabilità di danno concreto ed attuale) e, a seconda della gravità della situazione, adottare la misura più idonea (che può consistere anche nella sola rimozione od oscuramento del commento diffamatorio e non necessariamente nel blocco del sito).

La testata giornalistica on line

Il secondo importante tema che viene affrontato dalla Suprema Corte è rappresentato dall'applicabilità della norma analizzata a una testata giornalistica telematica. Com'è noto, l'articolo 21 della Costituzione, al terzo comma, offre una tutela rafforzata, limitando i sequestri per i delitti commessi tramite la stampa ai soli casi stabiliti dalla legge.

Depositphotos 8825112 l 2015 © kbuntu
Foto: © kbuntu / Depositphotos

Il punto critico della questione sta nello stabilire se sia possibile assimilare una testata giornalistica tradizionale (come concepita dallo stringente testo della legge sulla stampa che, essendo stata emessa nel 1948, non la prevedeva) a una telematica. In caso di risposta affermativa, sicuramente tutte le maggiori tutele riservate al mondo della stampa dovranno essere estese anche alla pagina web "giornalistica".

Le Sezioni Unite, dopo un lungo excursus storico-normativo, arrivano a dare una risposta affermativa in tal senso facendo leva sullo stesso testo dell'articolo 21 della Costituzione e su successive norme integrative della legge sulla stampa. La Corte fa inizialmente leva sulla locuzione "ogni altro mezzo di diffusione" per manifestare il proprio pensiero utilizzato al primo comma dell'art. 21 della Costituzione che dovrebbe, dunque, essere utilizzato come canone generale per far fronte ai nuovi sviluppi tecnologici.

Tuttavia, nelle successive argomentazioni la Corte si sofferma sui requisiti che devono avere le pagine web per poter essere assimilate a una tradizionale testata giornalistica (con le maggiori tutele dette). Ne consegue che non ogni pagina web o blog può essere definito come testata giornalistica telematica, ma saranno considerati tali solamente quelli che sono realmente strutturati come un giornale o un periodico tradizionale. È necessario quindi che abbiano una propria organizzazione tradizionale e un proprio direttore (e con obbligo di registrazione presso il tribunale esteso alla stampa tramite web dalla legge n. 72/2001).

Necessario è anche il fine ultimo delle pubblicazioni inserite nella pagina web: la produzione deve essere destinata alla pubblicazione, parametro che, a detta della Cassazione, viene rispettato in quanto il web è accessibile a una serie indefinita di soggetti che possono leggere facilmente i contenuti tramite i propri supporti informatici.

Solamente quando vengono rispettati tutti i requisiti appena indicati saranno applicate le maggiori tutele concesse dalla legge sulla stampa e, salvo i casi previsti dalla legge, non potranno essere posti in essere interventi repressivi da parte delle autorità (non sarà, ad esempio, possibile il sequestro preventivo di una pagina web che ospiti un articolo dal contenuto diffamatorio).