Computer Portatili

Schermo, prestazioni e autonomia

Pagina 2: Schermo, prestazioni e autonomia

Se volete rimanere a bocca aperta appena accendete il PC consigliamo di acquistare il ThinkPad X1 Yoga al top di gamma, che ha in dotazione uno schermo IPS WQHD da 14 pollici (2.560 x 1.440 pixel) a 500 candele e con supporto touch. Senza troppi giri di parole, è lo schermo più bello che abbia mai visto su un notebook.

Secondo il nostro colorimetro questo pannello è in grado di riprodurre il 201 percento del gamut volume sRGB: un punteggio che supera il 199% del ThinkPad X1 Carbon, la media della categoria (111%), lo Spectre x360 (109% ) e il Latitude 7390 2-in-1 (119%), che sono comunque ottimi prodotti.

 

Anche la luminosità è eccelsa: 477 candele al metro quadro, che sono molto di più della media di categoria (290 candele), dello Spectre x360 (313 candele) e del Latitude 7390 2-in-1 (309 candele). Ha fatto di meglio anche dello schermo HDR del ThinkPad X1 Carbon, con 469 candele. Quanto all'uso con le dita, il touchscreen ha seguito con estrema precisione i nostri input nella navigazione web e ha risposto rapidamente alle gesture multitouch.

Prestazioni e autonomia

Quella che abbiamo ricevuto in prova è la configurazione al top della gamma ThinkPad X1 Yoga, con processore Core i7-8650U, 16 GB di memoria RAM e SSD NVMe da 1 TVB. Così configurato lo Yoga è una bomba: una dozzina di schede in Chrome tra cui Giphy, Google Documenti, un video 1080p da YouTube e Slack non sono bastati per far venire a galla dei rallentamenti.

 
 

Nei nostri test il ThinkPad X1 Yoga ha ottenuto buoni risultati. In GeekBench 4 abbiamo registrando 14.517 punti, abbastanza per superare la media di categoria (9.795 punti), i 13.568 punti dello Spectre x360 (con CPU Core i7-8550U e 16 GB di RAM), i 13.640 del ThinkPad X1 Carbon (con Core i5-8250U e 16 GB di RAM) e i 13.640 punti del Latitude 7390 2-in-1 (Core i7-8650U e 16 GB di RAM).

L'SSD NVMe da 1 TB ha duplicato 4,97 GB di file multimediali misti in 10 secondi, che equivale a una velocità di 508,9 Mbps. Un valore superiore alla media di categoria (275,33 MBps) ma non ai 565,5 MBps dello Spectre x360 (SSD M.2 PCIe NVMe MLC da 512 GB) ai 565,4 MBps del ThinkPad X1 Carbon (con SSD NVMe PCIe da 512 GB), mentre resta indietro il Latitude 7390 2-in-1 (363 MBps con SSD da 128 GB).

 

Nel nostro test video con Handbrake, che cronometra il tempo necessario per transcodificare un video 4K a 1080p, il ThinkPad X1 Yoga ha impiegato 18 minuti e 38 secondi: abbastanza per battere la media della categoria (21:58), i 21 minuti del Latitude 7390 2-in-1 e i 26 minuti dello Spectre x360. Il ThinkPad X1 Carbon è praticamente in linea con 19 minuti.

 

La grafica è affidata all'integrato Intel UHD 620, che non è certo un chip adatto per giocare. Nel test 3DMark Ice Storm Unlimited ha centrato 85.477 punti, che è un valore superiore agli 80.304 punti della media, ai 79.528 punti dello Spectre x360 (Intel UHD 620), e agli 80.588 del ThinkPad X1 Carbon (Intel UHD 620). Siamo comunque lontani dai livelli dei notebook per il casual gaming, tuttavia non è impossibile usare titoli poco impegnativi come per esempio Dirt 3, che con impostazioni medie e risoluzione di 1920 x 1080 pixel è girato a 64 fotogrammi al secondo (FPS). Un valore simile ai 63 FPS del ThinkPad X1 Carbon e superiore alla media della categoria (50 FPS). Ha anche superato i 56 FPS dello Spectre x360 e i 42 FPS del Latitude 7390 2-in-1.

L'aspetto che meno ha convinto in questa prova è l'autonomia. Con il nostro test di navigazione web via Wi-Fi con retroilluminazione dello schermo a 150 candele è stato acceso per 7 ore e 42 minuti, un valore inferiore alla media di categoria (8 ore e 32 minuti), alle 8 ore e 26 minuti dello Spectre x360, alle 11 ore e 01 minuti del ThinkPad X1 Carbon e alle 10 ore e 13 minuti del Latitude 7390 2-in-1. La buona notizia è che se la batteria si esaurisce vi basterà un'ora per recuperare il 78 percento della ricarica, un valore che conferma l'80 percento in 60 minuti pubblicizzato da Lenovo.

 

La gestione del calore è un po' meno efficiente di quanto vorremmo se si lasciano le impostazioni standard. Dopo aver riprodotto 15 minuti di video HD abbiamo misurato 38,8 gradi sul fondo della base e 36,6 gradi al centro della tastiera: entrambi valori che superiori alla nostra soglia di comfort, fissata per convezione a 35 gradi. Però dopo avere installato l'app Lenovo Intelligent Thermal Solution abbiamo ottenuto valori inferiori: da 35,5 a 37,7 gradi sul fondo, 34,4 gradi al centro della tastiera e 27,2 gradi sul touchpad.