Schede Grafiche

L’era della GPU con 4GB di VRAM è finita, parola di AMD

L’era delle GPU con 4GB di VRAM è finita. Secondo AMD, con l’arrivo delle console next-gen e l’adozione della nuova libreria grafica DX12 Ultimate, i nuovi titoli raggiungeranno un livello di dettaglio tale da necessitare più di 4GB di memoria video, per lo meno se vorrete divertirvi con dettagli grafici alti.

Da cosa nasce quest’affermazione? L’azienda ha comparato le prestazioni di due Radeon RX 5500 XT, un modello con 4GB di VRAM e uno da 8GB. Le schede sono state abbinate a un Ryzen 5 3600X e 16GB di RAM DDR4-3200 e, come potete immaginare, la variante da 8GB ha offerto prestazioni superiori. Di seguito trovate i risultati dei benchmark:

AMD ha effettuato i test in Full HD e con dettagli grafici alti/ultra, ma soprattutto ha scelto videogame pubblicati negli ultimi anni. Il più “vecchio” è Wolfenstein II: The New Colossus uscito il 27 ottobre 2017. Presumibilmente, il Team Red vuol lasciare intendere che i giochi in arrivo nei prossimi anni offriranno una grafica ben più dettagliata, texture molto più definite, una gestione dell’illuminazione superiore e tutto ciò si rifletterà nella quantità di dati che la memoria della GPU dovrà gestire.

Dal rendering si evince che le prestazioni aumentano da un minimo del 12% a un massimo del 24% a parità di chip, e in futuro tali valori potrebbero ulteriormente crescere. Dopotutto, PS5 e Xbox Series X implementano il doppio della VRAM dei loro predecessori e usano dei chip più veloci, di tipo GDDR6 anziché GDDR5.

In questo momento, le schede grafiche di fascia bassa dispongono proprio di 4GB di RAM. È il caso della Nvidia GeForce GTX 1650 e della variante Super, ma anche della Radeon RX 5500XT (il modello da 8GB costa più di 200 euro). Per chi è sempre attento al budget, volendo sono ancora disponibili le vecchie GPU Polaris con 8GB di memoria: la Radeon RX 570 e la RX 580.

Personalmente, credo che GPU di fascia bassa non dovrebbero costare più di 100 euro, ma negli ultimi anni il prezzo medio delle GPU è lentamente aumentato ed è definitivamente “esploso” a seguito del mining. Nel 2019 i prezzi sono diminuiti, su questo non ci piove, ma i prodotti di fascia alta hanno mantenuto cifre proibitive ai più. Sarebbe fantastico se le nuove soluzioni Ampere rinnovassero il mercato e imponessero i 6GB come soglia minima per le GPU entry-level, in attesa di vedere anche quali saranno le proposte RDNA2 e RDNA Refresh non strettamente dedicate alla fascia alta.

Cercate un processore al top sia per la produttività che per il gaming? Vi consigliamo AMD Ryzen 7 3800X (Amazon).