Software

L’incontro con Borland

Pagina 3: L’incontro con Borland

L'incontro con Borland

Il lavoro inerente il Compas Pascal viene notato da un altro europeo che ha da poco fondato (1981) una piccola società di software per CP/M: Philippe Kahn di Borland.

Kahn ha intenzione di ritagliarsi un proprio spazio nel mondo dello sviluppo software e pensa ad un ambiente iterativo basato sul proprio Menu Master, e, non avendo un compilatore proprietario, decide di chiedere in licenza la soluzione creata da Hejlsberg. Il nuovo prodotto viene rinominato Turbo Pascal e il giovane ingegnere danese firma un contratto per modificare il proprio compilatore adattandolo alle necessità del nuovo cliente.

Borland si organizza anche per sopperire alla distanza fisica che separa la sede della propria società (Scott's Valley, California) dalla Danimarca, fornendo al giovane ingegnere un moderno modem a 9.600-baud con cui condividere costantemente i nuovi sviluppi.

Il risultato di tale lavoro è la prima versione del Turbo Pascal (20 novembre 1983), basato su un IDE rivoluzionario e un compilatore velocissimo, che, nell'insieme, aprono nuove frontiere nel panorama dello sviluppo. Inoltre, Borland decide di aggredire a testa bassa il mercato, proponendo il Turbo Pascal a 49,95$, praticamente dieci volte meno delle soluzioni concorrenti.

Il floppy del Turbo Pascal 1.0 per DOS

Una curiosità: per promuovere il proprio Turbo Pascal, Borland pubblica su Dr. Dobb's Journal of Software una striscia di fumetti chiamata "Le Avventure di TurboMan", il supereroe dei programmatori.

The Adventures of TurboMan

Turbo Pascal si distingue anche per l'ottimo tutorial caratterizzato dal personaggio di Frank Borland, a metà tra un cowboy solitario e uno geek informatico a cui viene idealmente accredita la realizzazione del TurboPascal (e successivamente di SideKick).

Frank Borland Documentation

Il successo del Turbo Pascal è tale da proiettare Borland nell'olimpo delle software house, trasformando Hejlsberg in uno dei suoi uomini di punta. Tuttavia, l'ingegnere danese riesce a mantenere una propria autonomia fino al 1989, anno in cui le difficoltà finanziare di PolyData lo portano a cedere alle continue richieste dalla società di Kahn di entrare direttamente nel proprio organico trasferendosi in California.

Il manuale del Turbo Pascal 3.0