Storage

L’SSD di PS5 vi sembra veloce? Il Samsung 980 Pro vi farà ricredere

Secondo il famoso leaker Ice Universe, Samsung commercializzerà l’SSD 980 Pro entro due mesi. Alcuni produttori già producono SSD PCIe 4.0 NVMe e Samsung è una dei pochi big a non partecipare alla festa. Il suddetto SSD è stato presentato al CES ed è plausibile che il colosso coreano intendesse immetterlo sul mercato in concomitanza del Computex 2020, ormai definitivamente annullato.

La pandemia da coronavirus potrebbe inoltre aver causato ritardi nella produzione. Una delle ragioni per cui Samsung avrebbe interesse a introdurre la nuova generazione di SSD, è l’arrivo delle schede madre con chipset AMD B550. Questa piattaforma includerà un bus PCIe 4.0 anche nelle schede di fascia media, il che potrebbe catturare l’attenzione di un’ampia fetta di consumatori.

Il nuovo SSD PCIe 4.0 di Samsung dovrebbe offrire rispettivamente velocità di lettura e scrittura fino a 6500MB/s e 5000MB/s, si imporrebbe quindi come il modello consumer più veloce. Il mercato al momento offre per lo più unità a stato solido compatibili con lo standard PCIe 3.0 e SSD PCIe 4.0 che si fermano intorno ai 5000MB/s in lettura.

Visto quanto se ne parla ultimamente, è quasi d’obbligo fare un paragone con l’SSD di PlayStation 5. Quest’ultimo (stando alle specifiche dichiarate da Sony) è in grado di raggiungere una velocità massima di 5500 MB/s, valore che lo rende oggi l’SSD consumer più veloce al mondo; tuttavia, pare che il titolo gli sarà sottratto a breve proprio dal Samsung 980 Pro.

Il tipico slot di espansione per questi SSD prevede 4 linee; solitamente, consultando la scheda tecnica di una motherboard alla voce “Storage”, troverete scritto “1x M.2 Socket” e “PCIe 3.0 x4”. Ciò significa che quello slot è destinato a memorie con fattore di forma M.2 e che consente la trasmissione di dati su 4 linee PCIe 3.0.

Ciascuna linea ha una larghezza di banda massima di 8GT/s (Gigatransfer al secondo) che equivalgono a 1GB/s (Gigabyte al secondo), ergo quattro linee PCIe 3.0, sulla carta, possono arrivare a trasferire fino a 4GB di informazioni al secondo. Ora arriva il bello: lo standard PCIe 4.0 duplica la larghezza di banda dell’interfaccia PCIe 3.0, dunque nelle future schede madre il tipico slot per SSD M.2 potrà arrivare a gestire una larghezza di banda teorica massima di 8GB/s.

E non finisce qui. Lo standard PCIe 3.0 è stato particolarmente longevo, è durato più di 10 anni, e nella roadmap del PCI-SIG, il consorzio di industrie che lavora allo sviluppo e all’introduzione dei nuovi bus di connessione, l’arrivo dei primi modelli PCIe 5.0 è previsto già per il 2021.

Questo significa che ora non conviene assemblare un nuovo PC? Nient’affatto, vuol dire che nell’arco di pochi anni, il mercato consumer verrà rivoluzionato e noi consumatori potremo acquistare componenti fantastici. Detto questo, per il tipico utilizzo di un utente medio, lo standard PCIe 4.0 è più che sufficiente.

Cercate una scheda video di fascia alta per la vostra build? Vi consigliamo Gigabyte GeForce RTX 2080 Super (Amazon).