Storage

L’ultimo drive arrivato: Hitachi UltraStar 146Z10 contro Fujitsu, Maxtor e Seagate

Pagina 1: L’ultimo drive arrivato: Hitachi UltraStar 146Z10 contro Fujitsu, Maxtor e Seagate


L’ultimo
drive arrivato: Hitachi UltraStar 146Z10

A Latecomer Compared: Hitachi UltraStar 146Z10

Sono trascorsi alcuni giorni dal
nostro ultimo confronto di hard-disk in classe aziendale
. Al momento, però,
uno dei concorrenti, Hitachi, non arrivò in tempo per il nostro test.
Ci aspettiamo molto dall’allenza IBM-Hitachi che ha portato alla fondazione
dello HGST (Hitachi Global Storage Group) e quindi, una volta messe le mani
sul drive, siamo proceduti con il test più velocemente possibile.

Immaginate la sorpresa quando ci siamo trovati davanti invece che all’atteso
DK32, ad un 146Z10, già disponibile nel mercato da diversi mesi. Abbiamo
deciso di testare comunque questo modello perché è molto diffuso
e sarà in scena ancora per diverso tempo.

Le specifiche del 146Z10 non sembrano diverse da quelle dei concorrenti (Fujitsu
MAP-Series, Maxtor Atlas 10K IV e Seagate Cheetah 10k.6): tutti hanno una cache
di 8MB e fanno 10000 giri al minuto (rounds per minute, rpm).

La differenza è all’interno: mentre i drive di tutti i concorrenti usano
solo quattro piatti metallici per ospitare i 146GB nominali, Hitachi utilizza
6 piatti. Già per questo, non è il caso di aspettarsi performance
in scrittura troppo spettacolari. il compito di fare meglio spetterà
al DK32EJ che, non appena disponibile, sarà di nuovo confrontato con
gli altri concorrenti in un nuovo articolo.