Tom's Hardware Italia
Mac

MacOS High Sierra arriva il 25 settembre, ecco le novità

MacOS High Sierra, nuova versione del sistema operativo desktop di Apple, sarà rilasciato il 25 settembre. Una panoramica sulle novità introdotte e sui dispositivi compatibili.

MacOS High Sierra, ovvero la nuova versione del sistema operativo desktop targato Apple, sarà rilasciato il 25 settembre. La conferma è arrivata a margine del Keynote di presentazione dell'attesissimo iPhone X. Come suggerisce il nome, ed esattamente come accaduto per iOS 11, si tratterà di un update che rappresenterà più un step evolutivo che una rivoluzione, pur non mancando un paio di novità rilevanti.

Il nuovo File System

Innanzitutto Apple ha annunciato il pensionamento del File System HFS (Hierarchical File System), tecnologia utilizzata da oltre 30 anni e sostituita dal nuovo File System dell'azienda di Cupertino, che introduce la crittografia nativa, la protezione dai crash, e in generale un approccio estremamente rivolto al concetto di sicurezza.

MacOS High Sierra

Questa transizione verso l'Apple File System (APFS) porterà con sè una serie di migliorie a partire da maggiore velocità, copie incrementali, crittografia integrata ed ottimizzazioni per sfruttare a pieno i dischi SSD. Su High Sierra arriva anche il supporto nativo al codec H.265/HEVC, tra l'altro nei modelli più recenti di Mac (inclusi quelli del 2016) con accelerazione hardware.

Leggi anche: WWDC 2017, tutte le novità software e i nuovi iMac e MacBook

Da segnalare anche la nuova generazione delle librerie grafiche di basso livello: Metal 2. Queste consentiranno di ottenere prestazioni sempre in crescita in relazione alle app di sistema e al software sviluppato per sfruttarle, anche sulle GPU meno potenti (una manna dal cielo per i computer Apple più datati). Se questo non bastasse, l'azienda di Cupertino ha annunciato anche il supporto nativo alle GPU esterne.

MacOS High Sierra

In tal senso è stato rilasciato un Dev Kit agli sviluppatori per sfruttare una GPU esterna (una AMD RX 580 per la precisione) attraverso la porta Thunderbolt 3. Tutto è stato pensato nella logica di rendere fruibili quelli che saranno i contenuti futuri che i Mac si troveranno a gestire, come quelli legati alla realtà virtuale.

Safari

Durante la conferenza di apertura della WWDC 2017, Safari ha rappresentato il primo argomento toccato da Craig Federighi (Vice Presidente della divisione software Apple). È stato definito come il browser più veloce su macOS, con performance nei benchmark fino all'80% superiori rispetto a Chrome.

È evidente dunque come, anche le novità per Safari non potessero essere delle rivoluzioni, quanto un piccolo miglioramento di un qualcosa che, secondo Apple, già funziona. Ecco dunque arrivare il blocco dell'autoplay, con i video che solitamente partono automaticamente che saranno bloccati, così da consentire all'utente di decidere quando riprodurli.

macOS High Sierra

Da sottolineare anche la nuova funzionalità Intelligent Tracking Prevention che, sfruttando la potenza del machine learning, consente il blocco del tracking e profilazione dell'utente. Questo non significa ovviamente che le pubblicità spariranno, ma che queste non saranno più personalizzate sulla cronologia e le abitudini dell'utente. Grande attenzione alla protezione della privacy, dunque.

Foto

L'applicazione di sistema che riceverà il maggior numero di novità attraverso macOS High Sierra è senza dubbio Foto. Apple ha innanzitutto operato un importante restyling grafico, nella logica di donare a questo applicativo una coerenza visiva con tutto il sistema operativo.

È stata introdotta una barra laterale fissa, che interverrà in maniera importante nell'esperienza utente. Le fotografie saranno ordinate in un'unica lista con ordine cronologico, così da essere più facilmente consultabili e visibili dall'utente. Una novità, quest'ultima, che andrà di pari passo con il nuovo riconoscimento persone, migliorato e sincronizzato con gli altri dispositivi Apple connessi al proprio account.

MacOS High Sierra

L'azienda di Cupertino ha inoltre introdotto nuove funzionalità di editing avanzato, con tanto di curve, correzione selettiva dei colori e sincronizzazione con altri programmi di editing. Le modifiche fatte, ad esempio, su Photoshop, verranno visualizzate anche su Foto. Un possibilità molto importante.

La logica dell'integrazione con i servizi di terze parti varrà anche per la stampa dei libri. Apple prosegue dunque con la strategia di far interfacciare sempre più i propri applicativi con quelli di altre aziende, nella logica di facilitarne l'adozione. 

Mail

Apple ha introdotto piccole novità anche per Mail, ovvero il client di default di posta elettronica di macOS. Con High Sierra, questo si arricchirà con la funzionalità split view (per avere di fianco alla lista delle mail la finestra di composizione di un nuovo messaggio) e con quella chiamata ordinamento smart delle mail (basata sulle ricerche attraverso Spotlight).

L'azienda di Cupertino ha inoltre lavorato nella logica di snellire l'impatto di Mail in relazione allo spazio su disco. L'archivio delle foto occuperà infatti fino al 35% in meno, consentendo un importante risparmio di risorse.

macOS High Sierra

Altre piccole novità

iCloud, grazie a macOS High Sierra, permetterà un co-working decisamente più immediato e funzionale. Per condividere un file, ad esempio, sarà sufficiente creare un semplice URL, che a sua volta potrà essere inviato a un qualsiasi contatto. 

Leggi anche: iOS 11 debutta su iPhone X, ecco tutte le novità

Spotlight sarà ancora più intelligente, grazie alla nuova possibilità di comunicazione con Wikipedia. Questo consentirà di offrire informazioni su una data, un personaggio famoso, un artista. Una logica molto simile utilizzata dagli ingegneri Apple per migliorare SIRI, che presenterà una voce più espressiva e meno robotica.

macos high sierra 4

Inoltre, essattamente come accaduto per la relativa versione di iOS 11, iMessage su macOS High Sierra sarà basato su iCloud, al fine di poter salvare l'intera cronologia dei messaggi scambiati. Questo permetterà all'utente di avere tutte le conversazioni e gli allegati sempre a disposizione. 

I dispositivi che riceveranno macOS High Sierra

  • iMac fine 2009 e successivi
  • Mac Mini 2010 e successivi
  • Mac Pro 2010 e successivi
  • MacBook Air 2010 e successivi
  • MacBook fine 2009 e successivi
  • MacBook Pro 2010 e successivi
macOS High Sierra

A questo punto non resta che attendere il 25 settembre, data in cui partirà il roll-out di macOS High Sierra. Apple prosegue con il miglioramento graduale dei propri sistemi operativi. Staremo a vedere se, anche questa volta, questo tipo di strategia pagherà o meno.


Tom's Consiglia

Il MacBook Pro da 15 pollici con Touch Bar sarà tra i dispositivi a ricevere ufficialmente macOS High Sierra a partire dal 25 settembre.