Software

Megaupload sta tornando, appuntamento a gennaio 2017

"Molto meglio di Mega. Numerosi miglioramenti e molto più facile da usare. Lo amerete", così ha scritto KimDotCom su Twitter riferendosi alla sua prossima nuova creatura. Ieri il fondatore di Megaupload, protagonista di una vicenda giudiziaria ancora irrisolta, ha annunciato a tutto il mondo che si appresta a rilanciare nel campo dei servizi cloud.

"Un nuovo sito in fase di lavorazione: 100 GB gratuiti di spazio di archiviazione cloud, cifratura in tempo reale, sincronizzazione di tutti i tuoi dispostivi e nessun limite di trasferimento dati", ha esordito il quarantaduenne tedesco. Non è ancora chiaro di che cosa si tratti esattamente ma tutto lascia presupporre all'avvento di un nuovo strumento potenzialmente impiegabile in ambito pirata.

Kim DotCom
Kim DotCom

"Megaupload sta tornando. Diffondete la parola", ha aggiunto. Megaupload come tutti ben sanno dal 2005 al 2012 si è distinta a livello mondiale come la piattaforma di file web hosting fra le più usate dai pirati di film, musica, giochi e altri contenuti. Ovviamente non tutti i suoi clienti ne facevano un uso illegale, ma il suo successo e soprattutto la visibilità erano legati agli impieghi "alternativi".

Oggi KimDotCom, che continua a vivere in Nuova Zelanda, rischia ancora l'estradizione negli Stati Uniti per rispondere ai capi di accusa di violazione delle norme sul copyright, riciclaggio e altri reati. Nel dicembre scorso la North Shore District Court ha dato l'ok alle richieste statunitensi, ma è scattata immediatamente la richiesta d'appello quindi l'epilogo della vicenda è ancora lontano.

Il nuovo Mega dovrebbe essere inaugurato nel gennaio 2017, a 5 anni dal primo raid della polizia neozelandese che portò alla chiusura di Megaupload.