Tom's Hardware Italia
Memorie

Memoria DRAM: che cos’è, falsi miti e come risolvere problemi – Parte 2

Pagina 1: Memoria DRAM: che cos’è, falsi miti e come risolvere problemi – Parte 2
Guida alla memoria DRAM per principianti. In questa Parte 2 affrontiamo alcuni temi scottanti.

Introduzione

Nella prima parte di questa serie di articoli abbiamo esaminato alcuni aspetti base delle memorie DRAM. In questa seconda parte ci concentriamo invece sugli argomenti più dibattuti.

Tutte le DDR3 sono uguali

Questo argomento potrebbe richiedere molte pagine, ma cercheremo di essere sintetici e offrire alcuni suggerimenti. Ecco alcuni esempi:

  1. Abbiamo parlato nel precedente articolo della linea di moduli DRAM Fury di Kingston, che non ha un profilo XMP ma piuttosto opera usando Plug and Play (PnP). Queste soluzioni di memoria hanno un bell'aspetto, sono disponibili in svariati colori e hanno un prezzo ragionevole. Hanno tutte le caratteristiche in regola per piacere a chi a un vecchio sistema e vuole aggiornare la propria RAM. Dato che sono basate su PnP funzionano però solo con alcuni chipset: H67, P67, Z68, Z77, Z87 e H61 di Intel, oltre che A75, A87, A88, A89, A78 e E35 per quanto riguarda AMD. Potete includere Z87 e Z97. La lista è stata estrapolata direttamente dalla pagine prodotto dell'azienda.
  2. I chip di memoria differiscono anche per altri aspetti:
    1. La maggior parte delle DRAM prodotte oggi usa chip di memoria ad alta densità da 4 Gb, mentre le vecchie DDR3 usavano chip da 2 Gb. I vecchi controller di memoria sono spesso limitati alle basse densità. Uno dei nostri redattori ha recentemente scoperto che nessuna delle sue schede madre P55 funzionava con i propri moduli da 8 GB e se mischiava moduli con differenti densità, un modulo poteva non essere rilevato o diventava instabile.
    2. Ci sono diverse aziende che producono chip di memoria e che li realizzano secondo le proprie specifiche. Producono inoltre più modelli per ogni chip. Ognuna di queste linee è divisa o selezionata a seconda delle capacità del chip stesso.
  3. Le schede madre indirizzate agli appassionati sono pensate per gestire memoria DRAM unbuffered senza ECC (error correcting coding). Di solito l'ECC è una caratteristica necessaria nel settore server e in quello delle workstation professionali dove l'integrità dei dati è critica e le DIMM buffered (registered) sono usate esclusivamente nei server che richiedono un'elevatissima capacità di memoria. La tecnologia condivisa tra piattaforme di fascia alta permette ad alcune appassionati di avere l'opzione di usare l'ECC sulle proprie motherboard.
  4. Ci sono altri esempi coperti altrove, come DRAM con un data rate che è troppo alto per la vostra CPU – ma funzionano ancora a un data rate di default inferiore.

Di solito suggeriamo di controllare con i produttori di DRAM, che spendono molto tempo nel testare le loro memorie sulle varie schede madre. I produttori di motherboard forniscono una "qualified vendors list" (QVL) della DRAM che hanno testato con un determinato prodotto, ma solitamente è formato solo da una piccola varietà di DRAM disponibile in laboratorio e non è una fonte così sicura come il controllo diretto con i produttori della DRAM stessa.