Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Qualche giorno in compagnia di Microtech e-book Pro N5000

Durante il Mobile World Congress 2019 ho usato il Microtech e-book Pro N5000. Ecco le impressioni su questo portatile dopo alcuni giorni d'uso.

Nelle scorse settimane ho provato per qualche giorno il Microtech e-book Pro N5000, un portatile con schermo da 14,1 pollici con pannello IPS Full HD. L’ho portato con me al Mobile World Congress 2019 a Barcellona, quindi l’ho sperimentato sul campo: zaino in spalla per la fiera e uso sia in sala stampa che nei ritagli di tempo tra un’attività e l’altra. Di conseguenza vi propongo le mie impressioni su questo portatile.

La configurazione che mi è passata per le mani è in vendita sul sito di Microtech a 570 euro (ma lo trovate anche sotto i 500 euro) e consiste in: processore Intel Pentium Silver N5000, 8 GB di memoria LPDDR4, una eMMC da 32 GB, un SSD SATA da 240 GB, connettività Wi-Fi 802.11ac dual-band e Bluetooth 4.0 e quattro speaker. La tastiera, con layout italiano, è retroilluminata.

Il portatile è realizzato in lega di alluminio e si presenta in color argento, con il logo di Microtech sul coperchio. È piuttosto elegante, e colpisce l’attenzione di chi non ha molta familiarità con i computer. Il tutto in uno spessore di 14,5 mm, per un peso di 1,4 chilogrammi, il che lo rende facilmente trasportabile in uno zaino. A tal proposito, vi suggerisco di proteggerlo con una sacca apposita in cui inserirlo, in quanto la scocca potrebbe sporcarsi / graffiarsi, soprattutto nella parte inferiore.

Lo schermo ha bordi laterali di 3,75 mm, il che lascia praticamente tutto lo spazio al display, nella cui parte sottostante capeggia il logo di Microtech. Lo schermo si può aprire a 180°, ma difficilmente vi servirà farlo. Nella cornice superiore dello schermo c’è una webcam da 2 megapixel (non è di grande qualità).

Il touchpad occupa perfettamente l’area centrale inferiore del portatile. Oltre a essere cliccabile, ha risposto bene grazie al supporto alle gesture di Windows 10. L’area offerta è più che sufficiente. Sul touchpad, nella parte superiore sinistra, c’è un sensore di impronte digitali che consente l’autenticazione rapida, basta configurare Windows Hello.

Sul lato sinistro c’è una porta microHDMI 1.4a, una USB Type C e una USB 3.0. Sulla parte destra c’è un’altra USB, uno slot microSD per schede fino a 128 GB, un ingresso per cuffie da 3,5 mm e l’ingresso del connettore di alimentazione. Fate però attenzione, non è il primo foro partendo dall’alto, ma il secondo.

Sopra la tastiera c’è una griglia per i quattro altoparlanti e un doppio microfono. La qualità è discreta, nel senso che potete ascoltare decentemente i contenuti sul web come i video di Youtube, ma se siete audiofili non è in questo prodotto, né in moltissimi altri, che dovete ricercare la qualità massima.

A bordo dell’e-book Pro N5000 c’è una batteria da 5000 mAh che offre una durata di 8 ore con uso generico e uno standby di diversi giorni. In tal senso il portatile ci ha supportato abbastanza bene nei giorni di fiera, ma non è il prodotto che consente di tirare fino a sera senza una ricarica nel caso lo usiate intensamente. A tal riguardo, dovrebbe soddisfare uno studente universitario, che ha bisogno di un portatile su cui prendere appunti nelle ore di lezione.

Nella scatola del portatile oltre all’alimentatore – il cavo non è tra i più lunghi – c’è un adattatore microHDMI – HDMI e un manuale utente in lingua italiane e inglese e un panno per la pulizia dello schermo.

Il portatile è fanless, ossia senza ventola, non fa rumore. Non è un problema, anzi. Nell’uso tradizionale – scrittura word, navigazione, visione di video – il portatile non diventa mai caldo in modo eccessivo, quindi l’assenza di un sistema di raffreddamento attivo è solo un bene. L’unica parte a riscaldarsi è quella sinistra della tastiera, ma come detto non è un calore eccessivo.

Ovviamente l’uso di un sistema di raffreddamento passivo è possibile a causa della piattaforma hardware. Il Pentium Silver a bordo è un quad-core (Gemini Lake) da 1,1 / 2,7 GHz con una GPU integrata HD Graphics 605 con 18 EU fino a 750 MHz. È un processore da 6 watt, e di conseguenza non nasce per farvi giocare o per compiti di produttività davvero pesanti, ma semplicemente per permettervi di avere un sistema con cui navigare, scrivere, mandare email, vedere video e compilare Excel. In questo il Microtech e-book Pro 5000 funziona perfettamente.

Purtroppo ho notato un piccolo problema, con la tastiera che rimane “impressa” sul monitor alla chiusura, segno che i tasti toccano il display. Non è qualcosa che si vede sempre, ma in certe condizioni di luce e angolazioni si nota. Devo aggiungere che l’ho sperimentato sul sample di prova in mio possesso, non so se sia comune a tutti gli e-book Pro N5000 di Microtech, ma suggeriscono all’azienda di verificare.

Scrivere sulla tastiera ci ha lasciato buone sensazioni, ho fatto pochi errori anche digitando rapidamente. Provenendo da una tastiera differente, ho avuto qualche problema nel raggiungere la “ù”, posta sopra il tasto Invio. Questione però di semplice abitudine, così come l’assenza di un tastierino numerico, con alcuni tasti a fare doppia funzione (attivabile con tasto Fn).

Per quanto riguarda lo schermo, si tratta di un IPS Full HD e per l’utente medio è più che adeguato, la qualità è buona, anche se non consiglio di scrivere sotto la luce diretta del sole: malgrado possiate aumentare la luminosità, potreste affaticare inutilmente la vista. La visione in ambienti chiusi invece è ottima, non ci sono problemi di sorta, l’immagine è sempre nitida.

A bordo del portatile c’è Windows 10 Home a 64 bit, con la suite Defenx Security Suite preinstallata. Ma non solo. C’è infatti il dual-boot con “Pantheon OS”, ovvero Ubuntu 18.04 LTS con l’ambiente grafico Pantheon realizzato dal team di Elementary OS. Non solo è un’aggiunta utile per chi vuole usare una distribuzione Linux (perché la preferisce a Windows o solo per curiosità), ma potrebbe essere prezioso nel caso si manifesti qualche malfunzionamento con Windows 10.

In conclusione il Microtech e-book Pro N5000 nella configurazione provata è un buon prodotto se cercate un portatile che vi consenta di navigare e fare altre operazioni quotidiane leggere. L’ho usato nei giorni di Mobile World Congress senza problemi, il prodotto si è dimostrato trasportabile e adeguato alle attività che necessitavo di svolgere durante la fiera.

A chi lo consiglio? A chi vuole un portatile “casalingo” per le attività appena descritte, oppure agli studenti che hanno bisogno di un sistema da portarsi all’università su cui prendere appunti. Vi suggerisco di acquistarlo da rivenditori a un prezzo inferiore a quello presente sul sito dell’azienda, in quanto è proprio sotto i 500 euro che il suo rapporto tra prezzo e caratteristiche si fa interessante.

Non è il prodotto per chi ama il gaming, per chi ha bisogno di fare attività più intense come il rendering o vuole una batteria a lunghissima durata, ma lo stesso vale per tutti gli altri prodotti in vendita sotto i 500 euro.