Tom's Hardware Italia
Software

Monaco: Linux costa più di Windows, addio open source

Monaco di Baviera sarebbe pronta a tornare a Windows, dopo un esperimento decennale con Linux.

Dopo dieci anni di Linux Monaco di Baviera getta la spugna e torna a Windows. Era stata tra le prime città a decidere di affidarsi a Linux, affrontando le molte difficoltà iniziali pur di liberarsi dai vincoli con Microsoft e altri fornitori. E proprio l'anno scorso si era completato il passaggio: tutti gli uffici pubblici usavano LiMux, una distribuzione sviluppata apposta.

Si torna a Windows perché a quanto pare non si è riusciti a compensare l'iniziale abbassamento della produttività. All'inizio si pensava che sarebbe bastato un po' di tempo, che le persone si sarebbero abituate ai nuovi strumenti e che presto tutto avrebbe ripreso a funzionare come sempre.

Monaco di Baviera

L'adattamento c'è stato in effetti ma sono rimasti problemi insormontabili nell'interazione con altre realtà (fornitori, altri comuni, governo, etc.): in questi casi lo scambio di documenti non ha mai smesso di essere un problema. E così alcuni politici locali, uno in particolare, hanno recentemente espresso la loro profonda insoddisfazone. 

C'è stato anche un problema economico, ed è emerso che Linux è risultato più costoso di Windows da gestire "perché la città ha dovuto assumere programmatori per sviluppare funzioni di cui avevano bisogno, e poi ha dovuto pagare il personale per mantenere il software". Pagando le licenze a Microsoft si sarebbe speso meno, a quanto pare.

Collaborazione con altri e riduzione della spesa, ecco perché Monaco di Baviera sta tornando a Windows. La scelta di questa città, dieci anni fa, fu definita l'equivalente IT della caduta del Muro di Berlino. Non è ancora detta l'ultima parola comunque, perché, con la nuova versione di LiMux e una più forte spinta verso il formato ODF, forse c'è ancora spazio per l'open source nella città tedesca.

Al momento è stato commissionato uno studio speficio per verificare quanto siano credibili le lamentele citate, e seguirà senz'altro un accesso dibattito. I sostenitori di LiMux, infatti, sono ancora molto numerosi e pronti a discutere sulle possibili soluzioni ai problemi citati. 

In ogni caso è importante ricordare che la questione economica non è mai stata determinante. All'epoca, tra il 2003 e il 2004, i politici locali scelsero di seguire una strada che avrebbe dato a loro il controllo sulla tecnologia usata, invece che a fornitori esterni come Microsoft. Decisero in altre parole di mantenere nelle proprie mani una parte di potere che era sempre stata "esternalizzata". Fu in altre parole una questione più politica che economica

Aggiornamento 12.15: l'articolo è stato modificato per riflettere il fatto che non è stata ancora presa alcuna decisione definitiva da parte delle autorità bavaresi, e che sono in corso studi a cui farà seguito un dibattito.