Schede madre

Nintendo ruzzola in stile “Mario Bros”

Nintendo continua a perdere colpi. Donkey Kong e Mario Bros sembrano non avere più l’ appeal di un tempo. I profitti nel periodo gennaio/settembre sono scesi del 21% rispetto agli stessi mesi del 2004. Le vendite complessive hanno registrato un calo del 6,2%, probabilmente anche a causa dell’affossamento del GameCube .

Bisogna considerare che tutto il settore console ha rallentato notevolmente a causa dell’attesa dei modelli di nuova generazione. Malgrado Nintendo continui a dominare nel comparto mini-console, con le sue linee Game Boy SP/ Micro e DS, nel prossimo futuro anche qui qualcosa potrebbe traballare: Sony PSP è decisamente sulla cresta dell’onda.

La prossima primavera, probabilmente, rappresenterà il momento di svolta. Pochi mesi dopo il lancio della PS3 sarà il momento di âÂ?Â?RevolutionâÂ?, che però sulla carta dovrebbe essere non solo inferiore a livello di prestazioni ma anche decisamente più economica.

Secondo la dirigenza Nintendo, comunque , nel 2006 i profitti tenderanno verso il basso. Gli ingenti investimenti che hanno riguardato lo sviluppo della nuova console e gli sconti applicati ai modelli DS si faranno sentire a lungo nelle casse.

Ovviamente se Revolution si dovesse dimostrare un flop nel panorama videoludico qualcosa potrebbe cambiare. Acquisizioni? Sony e Microsoft sarebbero in prima fila.