Computer Portatili

Nuovi MacBook Air e Mac Mini, addio MacBook bianco

Pagina 1: Nuovi MacBook Air e Mac Mini, addio MacBook bianco

Apple ha aggiornato la linea di notebook ultraportatili MacBook Air, che come preannunciato hanno abbandonato i vecchi processori Core 2 Duo di Intel a favore dei nuovi Sandy Bridge (MacBook Air a luglio, altro scacco agli ultra-portatili).

Il processore scelto per i nuovi ultrasottili è il Core i5, che stando a quanto dichiarato da Apple rende i nuovi Air fino a due volte e mezzo più veloci rispetto ai modelli del 2010. Il numero dei modelli resta invariato: quattro, di cui due con display da 11,6 pollici e altrettanti con pannello LCD da 13,3 pollici.

Apple MacBook Air 2011

Oltre ai MacBook Air Apple ha annunciato i nuovi Mac Mini e ha depennato dallo store i MacBook bianchi, decretando di fatto la scomparsa della linea MacBook. Ora il computer portatile più economico di casa Apple è pertanto l’Air da 11,6 pollici, al prezzo di 949 euro.

Apple ha approfittato del rinnovo di gamma per un piccolo ritocco dei prezzi verso il basso: la cifra di partenza è ora di 949 euro, contro i 999 euro dell’entry level precedente, mentre il top di gamma da 13,3 pollici costa 1.499 euro, contro i 1.599 euro precedenti. Il modello da 11,6 pollici più potente ha un prezzo invariato, mentre il 13 pollici da 128 GB costa 50 euro in meno di prima.

Denominatore comune dei nuovi Air è il sistema operativo Mac OS X Lion, annunciato contestualmente ai nuovi notebook e ai desktop Mac Mini: troverete tutti i dettagli più avanti in questo articolo. Nessuna sorpresa nemmeno dal punto di vista della connettività: come tutti si aspettavano da tempo è stata introdotta la connessione Thuderbolt (MacBook Air: Sandy Bridge e Thunderbolt in estate).

Apple MacBook Air 2011 – clicca per ingrandire

Inoltre, sul rinnovato sito di Apple non ci sono riferimenti all’impiego di SSD ultrapotenti per i nuovi ultraportatili, quindi se ne deduce che il rumor riguardante l’impiego di possibili NAND superveloci fosse una bufala (MacBook Air con SSD NAND velocissimo, ma saldato). Ha in compenso esordito la tastiera retroilluminata, abbinata a un sensore di luce ambientale che rileva i cambiamenti nell’illuminazione esterna regolando automaticamente la luminosità dello schermo e della tastiera.

I MacBook Air da 11,6 pollici installano processori Intel Core i5 a 1,6 GHz affiancati dalla grafica integrata Intel HD Graphics 3000, che ha preso il posto della precedente Nvidia GeForce 320M su tutta la gamma. La dotazione di memoria è di 2 GB per il modello da 949 euro e da 4 GB per quello da 1.149 euro. Anche il taglio dell’unità di archiviazione cambia: 64 GB nella versione di fascia bassa e 128 GB per quella al top di gamma.

###old1047###old

Gli eventuali upgrade sono costosi: l’espansione di memoria a 4 GB (disponibile solo per modelli di fascia bassa) comporta una spesa aggiuntiva di 100 euro rispetto al prezzo di listino, mentre chi vuole un processore più potente sappia che si può richiedere l’upgrade solo per il modello al top di gamma, sul quale si può installare un Core i7 dual-core da 1,8 GHz per la modica cifra di 150 euro. In questo caso l’unità di archiviazione da 128 GB può essere sostituita con una da 256 GB per 300 euro in più.