Schede Grafiche

NVIDIA continua la sua guerra contro i miner sulle schede GeForce RTX

Secondo un articolo di HKEPC, NVIDIA è pronta a riscattarsi dopo il fiasco relativo al limitatore anti-mining implementato nella GeForce RTX 3060. Stando a quanto riferito, il produttore sta preparando una nuova variante della GPU GA106 in grado di limitare in modo efficace le potenzialità della scheda nel mining della criptovaluta Ethereum.

Citando come fonte un produttore di schede grafiche taiwanese non precisato, HKEPC afferma che NVIDIA avrebbe interrotto la produzione della GPU GA106-300, chip su cui si basa la GeForce RTX 3060. Pertanto, le prossime GeForce RTX 3060 saranno dotato del nuovo chip GA106-302, il quale dovrebbe rendere impossibile utilizzare il driver GeForce 470.05 Beta trapelato nelle scorse settimane, il quale consentiva di aggirare il blocco per il mining. Inoltre, sembra che NVIDIA abbia implementato ulteriori meccanismi di protezione, quindi eliminare la limitazione non sarà facile come prima.

MSI RTX 3060 Gaming X Trio

Salvo eventuali ritardi, NVIDIA dovrebbe consegnare le GPU GA106-302 a maggio, il che significa che le successive schede grafiche GeForce RTX 3060 saranno dotate del nuovo chip. In questo modo, i miner dovranno stare molto attenti a quale GeForce RTX 3060 acquistare, dato che sarà possibile imbattersi in una variante equipaggiata con il nuovo chip “bloccato”. Inoltre, questa mossa potrebbe far salire il prezzo delle schede ancora basate sulla GPU originale, disincentivandone ulteriormente l’acquisto.

Sebbene HKEPC parli solo della GeForce RTX 3060, il famoso leaker @kopite7kimi pensa che NVIDIA potrebbe replicare la stessa operazione anche con le GPU GA102 e GA104, utilizzate per la GeForce RTX 3090, GeForce RTX 3080 e GeForce RTX 3070. Pertanto, sembra che il produttore abbia deciso di continuare a combattere in modo massiccio i miner nel mercato delle schede video consumer dedicate ai videogiocatori.

MSI RTX 3060 Gaming X Trio

Del resto, NVIDIA ha lanciato recentemente la linea CMP con ottimi risultati, quindi l’obiettivo finale è sicuramente quello di spingere i miner verso questi prodotti. Ad esempio, Hut 8 Mining Corp. ha già effettuato ordini per un valore di 30 milioni di dollari e la stessa NVIDIA prevede già un fatturato stimato fino a 150 milioni di dollari dalle vendite di CMP nel corso del primo trimestre, triplicando le previsioni precedenti.

Alla ricerca di un nuovo PSU per alimentare la vostra prossima GPU? Corsair RM750X, alimentatore modulare da 750W, è disponibile su Amazon.