Schede Grafiche

Conclusioni

Pagina 5: Conclusioni

Nvidia prosegue nell’opera di completare l’offerta di schede video GeForce “Turing” con questa nuova GTX 1660, che arriva a meno di un mese di distanza dalla GTX 1660 Ti. La scheda, come intuibile dal nome, si è rivelata leggermente meno veloce della GTX 1660 Ti, raggiungendo mediamente prestazioni in Full HD inferiori del 15% (circa 10 FPS – 74 vs 64 fps di media) e in WQHD del 17% (circa 8 FPS – 54 vs 46 fps di media).

È grossomodo allineata con la RX 590 di AMD, con quest’ultima che segna in media un paio di FPS di vantaggio Full HD, mentre c’è praticamente una parità a risoluzione WQHD. Questi sono numeri riscontrati con la nostra suite di test, ma i risultati non cambiano inserendo ulteriori giochi, come abbiamo riscontrato anche dei test interni di Nvidia che vedono vincere l’una o l’altra a seconda del test (17 prove), per un risultato non dissimile da quello che abbiamo misurato nei nostri laboratori. La RX 590 è più veloce dell’1,5% in Full HD secondo Nvidia, mentre le due schede sono alla pari in WQHD.

Di conseguenza ci troviamo di fronte a una scheda che possiamo considera veloce quanto una RX 590 ma con un prezzo più basso (almeno considerando il prezzo di listino suggerito da Nvidia). Stiamo parlando infatti di 40 euro di differenza di media.

La domanda da porsi è quindi se la GTX 1660 sia preferibile o no alla RX 580 8GB, che costa mediamente 215 euro. La risposta è abbastanza scontata: se il prezzo nei negozi sarà effettivamente di 230 euro, la GTX 1660 diventa la scheda da scegliere per giocare in Full HD a buon livello.

Con l’arrivo di questo modello, dobbiamo connotare quindi differentemente la GTX 1660 TI, che diventa la scheda da scegliere sempre se l’obiettivo è il Full HD, per tutti coloro che vogliono stare sempre – o quasi – sopra i 60 FPS. Se invece la vostra necessità è giocare a risoluzione WQHD, dovreste optare per una scheda RTX 2060, nonostante questa risoluzione sia gestibile anche dalle neonate GTX, ma con prestazioni decisamente inferiori e molto dipendenti dal gioco stesso.

Con questa GTX 1660 Nvidia va a rompere “le uova nel paniere” nella fascia in cui AMD era rimasta più competitiva, in attesa che l’azienda presenti nuovi prodotti. Sappiamo che in arrivo vi è anche una GTX 1650, probabilmente nel corso di aprile. Vedremo come si comporterà.

Non escludiamo tuttavia che questa nuova GTX spinga a un ulteriore abbassamento dei listini, non solo per le RX 580 e RX 590, ma anche per le vecchie GTX 1060, e se ciò si verificasse il nostro suggerimento è di far pesare molto la differenza di prezzo sulla vostra decisione d’acquisto finale, poiché in fin dei conti tutte queste schede, con le dovute differenze, rimangono validi prodotti per giocare bene in Full HD ai giochi odierni.