Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

Nvidia, in arrivo una versione Max-Q della GTX 1050?

Secondo voci di corridoio in arrivo vi sarebbero GPU GTX 1050 in versione Max-Q, per portatili sottili ma in grado di offrire buone prestazioni di gioco.

Nvidia potrebbe espandere la linea di soluzioni Max-Q dedicate ai portatili da gioco. In arrivo, stando a una riga nelle note di rilascio degli ultimi driver per Linux, vi sarebbe una GTX 1050 Ti con design Max-Q. Dietro a questo nome di marketing si nasconde un'ottimizzazione delle GPU Pascal destinate al settore mobile. Nvidia parla di un nuovo approccio al design.

In realtà Nvidia ha probabilmente destinato risorse a una selezione ancora più rigorosa dei core grafici, scegliendo solamente quelli in grado di lavorare nel modo più efficiente possibile. Oltre ai core selezionati, l'azienda ha anche ricercato in modo scrupoloso lo "sweet spot", ossia le frequenze ottimali per il miglior rapporto tra prestazioni e consumi.

gtx max q

Il tutto, insieme a un controllo più attento delle tensioni e altre soluzioni tecniche (maggiori dettagli), permette di creare notebook da gioco molto sottili, consentendo di mettere una GTX 1080 (o quasi, dato che le prestazioni sono leggermente più basse) in uno spessore di 18 mm.

Finora Nvidia ha applicato i dettami dell'approccio Max-Q alla GTX 1080, alla GTX 1070 e alla GTX 1060, ma sembra che l'arrivo del nuovo processore Intel con grafica AMD Vega dedicata richieda una risposta, un completamento dell'offerta.

La nuova CPU di Intel è un chiaro attacco a Nvidia nel settore dei portatili da gioco ultrasottili e se da una parte la GPU dedicata RX Vega M GH, la variate più veloce, vede nella GTX 1060 Max-Q la sua avversaria, potrebbe essere la versione meno potente RX Vega M GL a vedersela direttamente con la GTX 1050 Ti Max-Q.

NVIDIA GeForce GTX 1050 MaxQ
Riferimento alla GTX 1050 Ti Max-Q nelle note di rilascio dei driver Linux – clicca per ingrandire

Secondo NotebookCheck, oltre alla GTX 1050 Ti vedremo anche il modello "non Ti" in versione Max-Q, ma tale modello non è indicato nei driver. Il sito abbozza anche qualche ipotesi sulle prestazioni: "Ci aspettiamo che 1050 Max-Q e 1050 Ti Max-Q siano più lente dal 10 al 15 percento rispetto alle 1050 e 1050 Ti standard, in base a quanto visto con GTX 1060 Max-Q, 1070 Max-Q e 1080 Max-Q. Il TDP probabilmente spazierà tra 34 e 46 watt".  

Arctic Sound e Jupiter Sound

Nel frattempo sempre in tema di GPU, CPU e mobile, registriamo un'indiscrezione apparsa sul profilo Twitter di Ashraf Eassa, giornalista tecno-economico del sito "The Motley Fool". Secondo Eassa, Intel avrebbe messo nella propria roadmap due chip grafici dedicati chiamati Arctic Sound e Jupiter Sound.

eassa intel arctic sound jupiter sound
I due tweet di Ashraf Eassa sulle future architetture grafiche Intel, Arctic Sound e Jupiter Sound – clicca per ingrandire

Sul finire dello scorso anno, Intel ha portato tra le sue fila Raja Koduri, ex boss del reparto grafico di AMD, con l'intento di creare nuovi prodotti, tra cui schede video dedicate di fascia alta. A molti l'annuncio di un processore Intel con grafica AMD e l'approdo di Koduri alla corte della casa di Santa Clara è sembrata un'operazione "do ut des", con Intel che ha rimpolpato le finanze di AMD in cambio proprio di uno dei suoi massimi dirigenti e ingegneri.

Leggi anche: Intel farà schede video di fascia alta grazie a Raja Koduri

Il frutto dell'accordo è la serie di CPU "Core 8000G" con GPU Vega dedicata, ma sembra che in futuro Intel abbia intenzione di fare tutto da sola. Ashraf Eassa parla di una GPU dedicata basata su architettura Intel Gen.12, nome in codice Arctic Sound, che si connetterà ai processori Intel tramite EMIB, proprio come i nuovi modelli con GPU Vega.

Leggi anche: EMIB, il futuro dei chip secondo Intel

Eassa accenna inoltre di Jupiter Sound, GPU dedicata basata su architettura Gen.13. Quest'ultima potrebbe essere una vera e propria GPU per una scheda video dedicata, ma non ci sono dettagli precisi.

È tuttavia chiaro che quando Intel avrà una GPU dedicata scalabile e dalle buone prestazioni, difficilmente si rivolgerà ad altre realtà. Insomma, il connubio Intel-AMD potrebbe avere una vita limitata, anche se va detto che al momento Intel sta ancora monetizzando l'architettura grafica Gen9.5, integrata nelle CPU Coffee Lake, quindi potrebbe passare un bel po' di tempo prima di arrivare alla Gen.12 e alla successiva Gen.13.


Tom's Consiglia

Se cercate un portatile con cui dilettarvi anche con i giochi, pur scendendo a qualche compromesso, una scelta interessante è quella dell'Acer Aspire VX 15.