Schede Grafiche

Nvidia, parla il boss: non vedo l’ora di parlarvi delle GPU Pascal

Jen-Hsun Huang, amministratore delegato di Nvidia, guarda alla futura architettura grafica Pascal con grande ottimismo. "Non vedo l'ora di raccontarvi i prodotti che abbiamo in cantiere", ha dichiarato in una conferenza con gli investitori e gli analisti finanziari. "Ci sono più ingegneri impegnati nella progettazione delle GPU del futuro in Nvidia che in qualsiasi altra parte del mondo".

nvidia pascal

L'istrionico boss della casa di Santa Clara sembra voler montare un po' di attesa in un trimestre in cui la rivale AMD si appresta a presentare una nuova gamma di schede grafiche caratterizzate dall'innovativa memoria High Memory Bandwidth (HBM). Memoria che anche Nvidia adotterà proprio con Pascal, ma solo il prossimo anno.

Leggi anche: High Bandwidth Memory per le schede video del futuro: foto e informazioni

L'azienda ha svelato una parte dei propri piani alla GPU Technology Conference di qualche mese fa, spiegando come Pascal sarà un'architettura importantissima non solo per la grafica ma anche per altri settori. Dal visual computing (GeForce, Quadro) al mondo dell'HPC (Tesla), fino ovviamente ad arrivare ai chip Tegra (mobile e automotive). Pascal sarà verticale nella gamma di prodotti Nvidia.

Zotac GeForce GTX 970 Zotac GeForce GTX 970

Appassionati e professionisti possono attendersi un'architettura compatibile al cento per cento con le API DirectX 12, Vulkan e OpenCL. Nvidia, come tradizione, dovrebbe integrare anche tecnologie proprietarie, da CUDA a nuove soluzioni di anti-aliasing per i videogiochi. Dovrebbero essere due le GPU al centro dell'offerta grafica, PK100 e PK104.

L'azienda potrebbe usare il processo produttivo a 16 nanometri oppure a 14 nanometri, entrambi FinFET (fin-shaped field-effect transistors), abbandonando i 28 nanometri planari che l'azienda ha usato per realizzare i chip grafici da tre anni a questa parte. Nvidia potrebbe affidarsi a Samsung o rimanere con TSMC, l'AD Huang ha lasciato aperta la porta a ogni possibilità, pur sottolineando l'ottimo rapporto con TSMC.

Leggi anche: Nvidia Pascal: i punti chiave dell'architettura che sostituirà Maxwell

Il nuovo processo produttivo dovrebbe permettere agli ingegneri di Nvidia di creare GPU con un numero maggiore di core ma in grado, al tempo stesso, di consumare meno energia. E stando a quanto affermato da Huang alla GTC 2015, all'architettura si uniranno la già citata memoria 3D, la capacità di calcolo mixed precision ed NVLink. Non ritroveremo queste caratteristiche in tutti i settori, ma saranno questi i tre pilastri che consentiranno a Pascal di essere competitiva a tutto tondo.

L'azienda si avvarrà di High Memory Bandwidth di seconda generazione (HBM2) che permetterà di creare soluzioni con un massimo di 32 GB di memoria. Pascal sfrutterà anche la nuova interconnessione NVLink, godendo non solo di un bandwidth maggiore ma anche di miglioramenti nella comunicazione tra GPU.

nvidia geforce gtx

La nuova interconnessione permetterà di condividere i dati fino a 12 volte più velocemente rispetto a oggi e di aumentare sensibilmente il numero di GPU (probabilmente fino a 64) che possono lavorare insieme. Le GPU Pascal dovrebbero essere in grado di accelerare le applicazioni di deep learning fino a 10 volte rispetto agli attuali processori grafici. Inoltre c'è da sperare che le future GeForce di fascia alta saranno in grado di gestire il gaming 4K a 60 FPS "fissi", cosa che oggi non sempre avviene.

Sulla carta tutte queste caratteristiche dipingono prodotti radicalmente differenti da quelli attuali, ma per ora Nvidia mantiene il riserbo. Il focus rimane su Maxwell: c'è una nuova sfida con AMD alle porte, e Nvidia la gioca da capolista. Meglio non confondere troppo i potenziali clienti. "Non vedo l'ora di dirvi tutto, dovete solo aspettare ancora un po'", ha chiosato l'amministratore delegato.