Schede Grafiche

Nvidia: risultati da record dalla vendita di chip grafici

Nvidia è prima di tutto un'azienda che realizza chip grafici e i tentativi di diversificare il business entrando nel settore mobile e in quello dell'automotive con la gamma di prodotti Tegra non hanno, almeno in questi anni, prodotto una crescita tale da sovvertire l'assetto dell'azienda.

Nvidia logo

Lo dimostrano i risultati finanziari del quarto trimestre e dell'intero anno fiscale (2015), entrambi da record e fortemente legati alla vendita di GPU, dalle GeForce alla Quadro, sino alle schede acceleratrici Tesla. Il quarto trimestre si è chiuso con fatturato di 1,25 miliardi, in crescita del 9% sullo stesso periodo dell'anno passato. Il margine lordo si è attestato al 55,9% in crescita di 1,8 punti sul 2014.

L'utile netto ne ha risentito positivamente, toccando quota 193 milioni di dollari (+31%). Per l'intero anno fiscale Nvidia ha fatto registrare un fatturato di 4,68 miliardi di dollari, in crescita di circa il 13% sull'anno precedente. L'utile netto è stato invece di 631 milioni, risultato che ha portato a un ottimo +43%.

Asus GeForce GTX 960 Asus GeForce GTX 960
MSI GeForce GTX 980 GAMING 4G MSI GeForce GTX 980 GAMING 4G

Secondo il direttore finanziario (CFO), Colette Kress, i risultati sono legati alla crescita del fatturato della divisione GPU (+13%), in particolare grazie alle nuove proposte basate su architettura Maxwell, con la vendita di GPU per sistemi da gioco desktop e notebook in crescita del 38%.

Il CEO Jen-Hsun Huang, intervistato da Cnet, ha parlato di crescita del gaming su PC, in particolare nel Sud-est asiatico e l'aumento della complessità dei videogiochi, che sta portando sempre più persone alla ricerca di GPU potenti per godere di una buona esperienza. Huang ha anche affermato che la crescita è avvenuta sottraendo quote di mercato dalla rivale AMD e offrendo chip grafici ad alte prestazioni per i notebook destinati ai giocatori.

  Q4 2015 Q4 2014 Differenza
Fatturato 1,25 miliardi 1,14 miliardi +9%
Margine lordo 55,9% 54,1% +1,8 punti
Utile netto 193 milioni 147 milioni +31%

"All'interno del segmento gaming i notebook hanno continuato a comportarsi su livelli ben più più alti di un anno fa. Le GPU Tesla per l'accelerated computing sono cresciute fortemente, grazie alla loro selezione per grandi progetti da parte di alcuni provider di servizi cloud", ha dichiarato il direttore finanzario.

"Il fatturato legato alle GPU Quadro è rimasto su livelli sani. La vendita dei chip Tegra si è contratta del 15% rispetto a un anno fa, sulla base del ciclo di vita di diversi tablet e smartphone. Il calo è stato parzialmente compensato dai sistemi di infotainment per le auto, che hanno più che raddoppiato le vendite e le consegne di dispositivi Shield", ha concluso Colette Krees.

  Anno fiscale 2015 Anno fiscale 2014 Differenza
Fatturato 4,68 miliardi 4,13 miliardi +13%
Margine lordo 55,5% 54,9% +0,6 punti
Utile netto 631 milioni 440 milioni +43%

L'AD Huang ha precisato che la tecnologia Nvidia è ora a bordo di 7,5 milioni di veicoli, in crescita rispetto ai 4,7 milioni dell'anno scorso. Inoltre, pur non condividendo alcun dato, il CEO si è detto contentissimo dell'accoglienza sul mercato dei prodotti Shield, tanto da arrivare a dire che con il settore dei tablet gaming Nvidia ha trovato una nicchia in cui può trovare soddisfazioni.

Per quanto concerne il primo trimestre 2016, l'azienda prevede un fatturato di 1,16 miliardi (più o meno il 2%), leggermente superiore all'anno passato. Il margine lordo dovrebbe invece attestarsi a 56,2%, con un errore possibile di 50 punti base.

Divisioni Nvidia, dati trimestrali
  Q4 2015 Q3 2015 Q4 2014 Diff. Q4 2015 – Q3 2015 Diff. Q4 2015 – Q4 2014
GPU 1,07 miliardi 991 milioni 947 milioni +8% +13%
Tegra 112 milioni 168 milioni 131 milioni -33% -15%
Altro (pagamenti Intel per licenze) 66 milioni 66 milioni 66 milioni

L'azienda non sembra attendersi un impatto rilevante legato al caso "GTX 970 e memoria", come da previsioni degli analisti. Come abbiamo avuto già modo di scrivere, Nvidia non riconosce il prodotto come malfunzionante e per questo salvo alcune sporadiche eccezioni da parte di partner e negozi non è possibile avanzare una richiesta di rimborso oppure la sostituzione della scheda.