Schede Grafiche

Prestazioni con Ray Tracing e DLSS

Pagina 2: Prestazioni con Ray Tracing e DLSS

Piattaforma di prova

La nuova Nvidia RTX 3080 utilizza un’interfaccia PCIe 4.0, quindi abbiamo deciso di eseguire i nostri benchmark su una piattaforma AMD Ryzen 3000. Nvidia ha comunque voluto precisare che non ci sono reali differenze tra l’uso del PCIe 4.0 e del PCIe 3.0, con prestazioni che variano solamente del 1-2%. Qui sotto, come sempre, vi lasciamo una tabella riepilogativa della nostra configurazione di test.

Processore AMD Ryzen 9 3900X (acquistabile qui)
Scheda madre Asus ROG X570 Crosshair VIII Hero (WiFi) (acquistabile qui)
RAM Corsair Dominator Platinum RGB (acquistabile qui)
Alimentatore Asus ROG Thor 850W (acquistabile qui)
SSD Corsair MP600 2TB (acquistabile qui)
Dissipatore NZXT Kraken X73 (acquistabile qui)
Banchetto Dimastech Mini V1.0 (acquistabile qui)
Driver Nvidia GeForce 456.16
AMD Adrenalin 2020 Edition 20.8.3
OS Windows 10 Pro, versione 2004 (acquistabile qui)

Test con Ray Tracing

Metro Exodus

Per eseguire questo benchmark di Metro Exodus abbiamo il postato il Ray Tracing alla massima qualità, disabilitando Nvidia Hairworks e Physx. Il risultato ottenuto dalla RTX 3080 è notevole, con la scheda che supera leggermente i 60 FPS medi, offrendo il 67% di prestazioni in più rispetto a una RTX 2080 e il 27% in più della RTX 2080 Ti.

Battlefield V

Battlefield V è un titolo più leggero di Metro Exodus, in cui già la RTX 2080 Ti riusciva a raggiungere i 60 FPS con RTX e DLSS attivi. La RTX 3080 migliora ulteriormente il risultato della ex top di gamma, toccando i 74,5 frame al secondo e facendo registrare un netto +50% sulla RTX 2080.

Control

Come vedremo anche con i prossimi grafici, Control è uno dei giochi che più mette in difficoltà questa RTX 3080, principalmente a causa del gran numero di effetti Ray Tracing presenti all’interno del titolo. Con le massime impostazioni grafiche e la risoluzione di rendering DLSS a 1440p la nuova nata di Nvidia sfiora i 60 FPS, facendo comunque registrare prestazioni l’85% superiori rispetto alla RTX 2080. 

Segnaliamo comunque che i 60 FPS possono essere facilmente raggiunti (e superati) andando a modificare la risoluzione DLSS: passando a 1080p infatti non noteremo un peggioramento della grafica e la scheda riuscirà a raggiungere i 75 FPS medi.

Deliver us the Moon

Deliver us the Moon non implementa il Ray Tracing, ma sfrutta il DLSS per aumentare il framerate e offrire un’esperienza di gioco più fluida. Selezionando la modalità qualità la RTX 3080 tocca i 127 FPS medi, con un 99esimo percentile ben al di sopra dei canonici 60 FPS e un incremento di prestazioni del 66% rispetto alla RTX 2080, che si ferma a 76,6 FPS.

Mechwarrior 5 Mercenaries

Anche Mechwarrior 5 Mercenaries implementa solo il DLSS, tuttavia il Ray Tracing dovrebbe essere introdotto in futuro. Similmente a quanto fatto con gli altri titoli, anche qui abbiamo deciso di utilizzare la modalità qualità, opzione che ci permette di arrivare fino a 140 FPS in una sessione di gioco all’interno del bioma desertico.

Minecraft

Nei nostri test non poteva ovviamente mancare Minecraft RTX. Per eseguire i benchmark abbiamo utilizzato una mappa creata appositamente chiamata Portal Pioneers, studiata per mettere in mostra tutti i vari effetti visivi introdotti dal Ray Tracing. La RTX 3080 mostra i muscoli anche in questa occasione, rimanendo ampiamente sopra i 60 FPS e migliorando del 77% il risultato della RTX 2080.

Shadow of the Tomb Raider

In Shadow of the Tomb Raider non è possibile selezionare la risoluzione di rendering DLSS, ma solamente la qualità delle ombre Ray Tracing (qui impostata ad Ultra). Anche in questo benchmark la RTX 3080 mantiene le promesse, superando i 60 FPS a risoluzione 4K e raggiungendo i 71,6 FPS medi, un risultato migliore di quello della RTX 2080 Ti del 24% e di quello della RTX 2080 del 66%.

Wolfenstein Youngblood

Dopo Control, Wolfenstein Youngblood è il gioco dove l’incremento prestazionale con RTX e DLSS attivi è maggiore. Qui la RTX 3080 raggiunge i 126,3 FPS, l’83% in più rispetto a quelli generati dalla RTX 2080.

Death Stranding

Death Stranding è un altro gioco che implementa il DLSS, ma non il Ray Tracing. La RTX 3080 migliora quanto di buono avevamo visto con le RTX serie 20 in occasione del lancio del titolo targato Kojima Productions: la nuova arrivata di Nvidia raggiunge i 130 FPS con il DLSS in modalità qualità, facendo segnare un +57% sulla RTX 2080 e piazzandosi nuovamente in cima alla nostra classifica.

F1 2020

Poter abilitare il DLSS all’interno di un titolo come F1 2020 farà sicuramente felici gli amanti dei simulatori, titoli dove è importante giocare con un framerate elevato per avere la massima fluidità. Con le massime impostazioni e in condizioni di pioggia forte (quindi nella situazione più impegnativa dal punto di vista grafico) la RTX 3080 raggiunge i 137,9 FPS, oltre il 40% in più della RTX 2080.

Fortnite

L’ultimo aggiornamento di Fortnite ha introdotto, in maniera forse inaspettata, il Ray Tracing e il DLSS. Per effettuare i benchmark che vedete nei due grafici qui sotto abbiamo utilizzato una mappa creata appositamente per l’occasione, denominata RTX Treasure Run. Abbiamo eseguito i test impostando il Ray Tracing e la grafica di gioco alla massima qualità, con il DLSS sia in modalità qualità che prestazioni.

Come potete vedere dal grafico, anche con il DLSS attivo (seppur in modalità qualità), se si abilita il Ray Tracing Fortnite diventa decisamente pesante da gestire: la RTX 3080 riesce a raggiungere solamente i 35 FPS, un valore decisamente inferiore a quelli a cui la scheda ci ha abituato finora ma che risulta l’81% superiore a quello della RTX 2080.

Impostando il DLSS in modalità prestazioni abbiamo un boost di circa 20 FPS, con la RTX 3080 che tocca i 54,6 FPS medi. La scheda non riesce a raggiungere i 60 FPS, ma le performance rimangono comunque notevoli se consideriamo che la RTX 2080 si ferma a 31,4 FPS e la RTX 2080 Ti non va oltre i 40,4 FPS.

RTX 3080 vs RTX 2080 – Differenza percentuale

Qui sotto vi lasciamo un grafico riguardante l’incremento percentuale garantito dalla RTX 3080 rispetto alla RTX 2080. Facendo una media, la nuova scheda di Nvidia offre prestazioni il 66% superiori nei giochi con RTX e DLSS attivo rispetto alla precedente generazione.