Tom's Hardware Italia
Raffreddamento

Scegliere la giusta pasta: più che una questione di prezzo

Pagina 8: Scegliere la giusta pasta: più che una questione di prezzo
Se volete cambiare componenti al computer prima o poi dovrete decidere anche quale pasta termica applicare sul processore. In questo articolo parliamo delle nozioni di base, come si applicano i vari composti e tanto altro.

Scegliere la giusta pasta: più che una questione di prezzo

Dato che la pasta termica è un prodotto ad alto margine, il mercato è davvero affollato. L'esatta composizione della maggior parte dei prodotti è segreta, ma una ricerca su Google permette di avere una lista degli ingredienti tipici. Il limite di temperatura massimo è solitamente 150 °C, anche se alcune paste dicono di poter sostenere fino a 300 °C e oltre.

La composizione di una pasta determina la sua conducibilità termica, la conduttività elettrica, la sua viscosità e la durabilità. Di che cosa è fatta una pasta termica? I composti base consistono nell'ossido di zinco e il silicone come agente legante. Questa semplice combinazione però oggi è a malapena venduta. La maggior parte dei produttori inizia con questi ingredienti e aggiunge altri materiali, come l'alluminio. Ad esempio la Prolimatech PK1 ha un contenuto del 60-85% di alluminio, 15-25% di ossido di zinco, e il 12-20% di olio di silicone, oltre che un agente anti-ossidante. Alcuni ingredienti sono più misteriosi. Ad esempio, la siringa DC 1 di be quiet! specifica in modo ambiguo che la pasta contiene il 60% di ossido di metallo, il 30% di ossido di zinco (da quando lo zinco non è un metallo?) e un 10% di silicone.

Alcune paste, come la Arctic Silver 5, contengono persino argento. Altre sono basate sulla grafite, come la WLPG 10 di Fischer Elektronik, rinunciano al silicone e hanno un'elevata conducibilità termica (10.5 W / m·K), ma sono più difficili da applicare e solitamente sono elettricamente conduttive. Ci sono anche delle paste che usano nanoparticelle di carbonio, anche se sono inadatte alla maggior parte degli appassionati per via della conducibilità elettrica e il prezzo. Il numero di paste termiche basate sul rame è sceso, ma se ne trovano ancora.

Abbiamo lasciato le soluzioni più esotiche come il metallo liquido e i pad metallici per la seconda parte del nostro tutorial. L'applicazione di questi prodotti elettricamente conduttivi ha dei rischi, e non vogliamo confondervi con una discussione dettagliata sulle loro peculiarità, in questo momento. Diciamo che sono solo per esperti e bisogna soddisfare alcuni prerequisiti prima di applicarle.

Tutte le paste condividono una cosa: non sono la migliore soluzione per assicurare la conducibilità termica tra heatsink e dissipatore. La pasta termica è sempre l'anello più debole della catena del raffreddamento, a prescindere dal prezzo!