Tom's Hardware Italia
Raffreddamento

Paste termiche alla prova, 39 prodotti in test

Pagina 1: Paste termiche alla prova, 39 prodotti in test
Dopo aver curato la teoria nella parte 1, in questa parte 2 testiamo diverse paste termiche in differenti casi d'uso e trattiamo il tema dei composti liquidi e degli adesivi termoconduttivi.

Introduzione

Dopo l'articolo "Pasta termica sulla CPU: come si applica e nozioni generali" proseguiamo con la parte due, in cui metteremo in pratica quanto esposto nella prima parte. Parleremo anche di composti a metallo liquido e faremo un po' di luce sugli adesivi termici, sotto forma di pasta e pad – usati per montare piccoli dissipatori sui chip RAM o i MOSFET.

Quanto alle paste a metallo liquido, la loro conduttività termica teorica è strabiliante, ma quest'unico attributo non è una garanzia di successo. Nei test effettueremo un confronto tra il composto a metallo liquido e la pasta termica Extreme di Gelid.

Diversi anni fa la Liquid Pro di Coollaboratory ha stabilito un nuovo traguardo nella gestione termica. Mentre l'aspetto e il metodo di applicazione ci ricordavano un termometro al mercurio che non era sopravvissuto a una caduta, la successiva Liquid Ultra ne eliminava alcune debolezze. Dato che la Liquid Pro può davvero essere difficile da trattare, nel nostro tutorial ci concentreremo sulla Liquid ultra.

Clicca per ingrandire

Contenuto della confezione

Nel box della Liquid Ultra trovate la pasta, un tampone per la pulizia, due pennelli, una spugna e un manuale di istruzioni. Sembra una lista nutrita, ma è il minimo sindacale per usare un prodotto come questo, ed è sufficiente per una sola applicazione. Se volete stendere la Liquid Ultra una seconda volta vi troverete senza il tampone, ma c'è un secondo pennello. Apprezziamo la presenza di una spugna, ma è appena adeguata alla rimozione del composto. Se lo vorrete potrete acquistare un altro kit a un prezzo non certo conveniente.

Diversi appassionati potrebbero dividersi davanti a un prodotto come questo e alcuni potrebbero essere persino più coraggiosi di noi e usarlo con le GPU delle schede video. La nostra opinione è che la maggioranza delle persone che legge questo tutorial è nuova al mondo delle paste termiche e non vogliamo incoraggiare a fare qualcosa che richiede esperienza. Tra l'altro è probabile che invaliderete la garanza della CPU usando la Liquid Ultra. Dopo aver rimosso gli ultimi rimasugli, abbiamo scoperto che tutte le iscrizioni incise sull'heatspreader erano scomparse. Se vorrete provare questo prodotto anche dopo aver letto questa seconda parte, aspettatevi prestazioni di raffreddamento molto buone, sempre che nulla vada storto.

Pulizia e trattamento della superfice

Clicca per ingrandire

I prerequisiti più importanti per usare un composto a metallo liquido sono superfici pulite per quanto concerne heatsink e heatspreader. Potete acquistare il kit summenzionato con tre liquidi di ripulitura, o semplicemente acquistare dell'alcol isopropilico in negozio. Non usate acetone o nafta – persino l'alcol denaturato potrebbe contenere additivi dannosi. Infine, attendete che le tracce rimanenti di liquido siano totalmente evaporate!

Se la superfice è troppo liscia, la vecchia Liquid Pro e la più recente Liquid Ultra dovrebbero aver formato solo delle gocce sulla vostra CPU. Perciò, a dispetto di ciò che fareste per le paste termiche standard, dovrete considerare di rendere più ruvide le interfacce di heatsink e heatspreader. Ricordatevi solo che avete abbastanza metallo liquido per due soli tentativi.

Clicca per ingrandire

Non esagerate. Se strofinate troppo forte, l'innocente spugna può causare profonde scanalature. Muovetevi lentamente in modo circolare.

Pagina 1: Paste termiche alla prova, 39 prodotti in test

Indice