Software

Pirateria software: invece della multa un video su Youtube

La lotta tra pirateria e aziende è un eterno gioco di guardie e ladri, un inseguirsi senza fine tra gatti e topi, e, ammettiamolo, uno spettacolo che ogni tanto risulta noioso. Altre volte invece ci sono svolte impreviste, vicende che ci colgono del tutto impreparati. Come questa storia che viene dalla Repubblica Ceca.

Qui la BSA (Business Software Alliance) ha rintracciato Jakub F, "nome d'arte" di un utente che ha distribuito software pirata per anni. Alla fine si è finiti in tribunale, dove i produttori di software hanno chiesto al software risarcimenti per 373.000 euro. Microsoft da sola ne pretendeva 223.000.

Il giudice ha riconosciuto Jakub F colpevole, ma non ha ritenuto affidabili i calcoli fatti dai querelanti per quanto riguarda i danni subiti. Di fronte a una possibile impasse, si è arrivati a un accordo del tutto insolito e innovativo.

Jakub F ha accettato di apparire in un video contro la pirateria, pubblicato su YouTube e su un sito creato ad hoc. Dura poco più di due minuti, e in esso Jakub F ammette le sue colpe e spiega come abbia capito di aver sbagliato.

Tutto qui? Non proprio: la BSA considererà il debito "pagato" solo se il video otterrà almeno 200.000 visualizzazioni. In caso contrario, i produttori di software pretenderanno il pagamento dell'enorme multa, una cifra che il cittadino ceco non si può assolutamente permettere.

jakubflarge

"In questo video interpreto me stesso e questa è la mia vera storia. Ho girato il video con dei professionisti. Tutto è cominciato con la condivisione, e vorrei che la mia storia finisse con la condivisione".

Non sappiamo se c'è un limite di tempo per raggiungere l'obiettivo, ma sembra che Jakub F sia sulla buona strada. Mentre scriviamo il video ha già raccolto più di 120.000 visualizzazioni, e se altre testate online ne parlassero probabilmente arriverà a 200.000 nel giro di poche ore. Se volete aiutarlo, non dovete far altro che riprodurre il video in questa pagina.