Storage

Anche PNY ha il suo SSD PCIe 4.0: fino a 4800 MB/s in lettura

Come ben sappiamo, uno dei maggiori problemi che affligge gli attuali SSD di fascia alta è il collo di bottiglia causato dall’interfaccia PCIe 3.0 x4. Per questo motivo, le nuove unità di archiviazione con interfaccia PCIe 4.0 x4 sono state tra i prodotti più chiacchierati del Computex, e diverse aziende hanno voluto mostrare le loro soluzioni.

Essendo uno dei più noti partner di Phison (società taiwanese tra le maggiori produttrici di connettori PCIe 4.0), PNY ha presentato durante la fiera il suo XLR8 CS4040, SSD con interfaccia PCIe 4.0 x4 in arrivo nei prossimi mesi.

Si tratta di un SSD dedicato alla fascia alta del mercato, basato sul controller Phison PS5016-E16 (lo stesso degli altri SSD visti al Computex) e con memorie 3D NAND TLC. Sarà commercializzato in 3 tagli di memoria: 500 GB, 1 TB e 2 TB.

Allo stato attuale, PNY si aspetta che l’unità offra velocità sequenziali fino a 4800 MB/s in lettura e fino a 4000 MB/s in scrittura per quanto riguarda i modelli da 1 TB e 2 TB, mentre le unità da 500 GB vedranno scendere la loro velocità di scrittura sequenziale a 2100 MB/s.

Non c’è ancora una data di uscita ufficiale, ma – conoscendo l’inclinazione di PNY nel ritoccare il firmware fino all’ultimo secondo – possiamo azzardare dicendo che la società si prenderà il suo tempo per apportare qualche ritocco, e che quindi difficilmente vedremo l’XLR8 CS4040 tra i modelli che verranno commercializzati il prossimo luglio.

I colleghi di Anandtech si sono però dimostrati scettici sulla scelta attuata da PNY per dissipare il calore. In fiera abbiamo visto altri produttori, come ad esempio Gigabyte, inserire due pad termici e due dissipatori per assicurare una dissipazione del calore adeguata.

PNY invece ha mostrato il suo XLR8 CS4040 con applicato solamente un adesivo, che difficilmente può essere considerato un dissipatore valido. Poiché i controller PS5012-E12 e PS5016-E16 di Phison hanno un TDP fino a 8 W, per garantire prestazioni costanti potrebbe essere necessaria una soluzione più complessa.

Anandtech si è chiesta se PNY abbia intenzione di installare un dissipatore sul suo SSD XLR8 CS4040, così da massimizzare le prestazioni in presenza di carichi elevati, o lo voglia lasciare con un semplice adesivo, magari per mantenere la compatibilità con i notebook esistenti e futuri.

Secondo noi, è probabile che quello visto al Computex sia solo un sample e non il prodotto finale. Non ci resta quindi che attendere un annuncio ufficiale da parte dell’azienda, per capire quale sarà la scelta finale.