Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Portatili Intel Sandy Bridge: prima i quad-core

I primi notebook basati su architettura Sandy Bridge saranno quad-core. Solo a metà febbraio arriveranno le proposte dual-core. Per i produttori non sarà facile gestire la transizione.

I primi portatili dotati di CPU Intel con architettura Sandy Bridge presentati al Consumer Electronics Show di gennaio saranno basati su modelli quad-core (con grafica integrata). Attendetevi quindi numerosi notebook con schermi da 15 e 17 pollici (Sandy Bridge, seconda generazione dei processori Core).

Secondo indiscrezioni, durante una recente conferenza con gli investitori Intel ha dichiarato che inizialmente saranno disponibili le versioni quad-core, seguite successivamente da quelle dual-core di fascia media.

“I quad-core saranno presentati a gennaio, i dual-core a febbraio. I produttori di portatili stanno per mostrare pubblicamente i loro notebook quad-core, ma non possono svelare quelli con chip dual-core fino a metà febbraio”, ha confidato una fonte anonima a Cnet.

Come abbiamo già riportato nei giorni scorsi, i nuovi portatili arrivano in un periodo in cui molte persone hanno già effettuato degli acquisti e ricevuto regali, senza contare che nel frattempo ci sono scorte di vecchie piattaforme di cui sbarazzarsi (Intel Huron River a febbraio, adesso solo vecchiume). “Il CES è francamente un brutto periodo per presentare questi prodotti da parte degli OEM. […] Per loro non è una transizione facile da gestire“.

Cnet riporta che molti portatili Sandy Bridige adotteranno chip grafici dedicati di Nvidia, dotati di tecnologia Optimus che consente di passare dalla grafica integrata a quella dedicata a seconda del carico. Tuttavia anche AMD sarà della partita: l’azienda offre una tecnologia simile e, molto probabilmente, diversi prodotti adotteranno i chip grafici HD 6300M e 6500M avvistati nelle scorse settimane (Radeon HD 6500M e 6300M, grafica AMD portatile).