Schede Grafiche

Commento: Thomas Pabst

Pagina 8: Commento: Thomas Pabst






Asus
si muove verso la libertà

Thomas Pabst
Finalmente un venditore di schede grafiche si è stancato di andare
dietro alla politica "un unico fornitore di chip grafici" dettata
da NVIDIA o ATI. Da adesso, Asus non fornirà solo schede grafiche
con chip NVIDIA, ma anche schede con soluzioni ATI. É la prima
volta da quando ci hanno provato Diamond, STB o Hercules.

Asus si sta muovendo per offrire al consumatore entrambi
i migliori marchi disponibili al mondo. Non passerà molto tempo
prima che gli altri venditori facciano la stessa cosa. Questo contribuirà
a incrementare la competizione tra ATi e NVIDIA e porterà i prezzi
delle schede grafiche a un livello più ragionevole.

Come mai è passato così tanto tempo prima
di questa mossa commerciale?

Dopo il suicidio di 3dfx, il decadimento di Matrox e
i tentativi iniziali non troppo fortunati di ATi, NVIDIA teneva i suoi
clienti in un pugno di ferro. Simile al business di Intel, basato su un
antico dispotismo, NVIDIA ha avuto una presa molto costante su quei creatori
di schede grafiche che volevano emergere. NVIDIA dettava le regole e i
migliori produttori dovevano seguirle. Guillemot, oggi conosciuta come
Hercules, non aveva scelta. Una volta che iniziò a flirtare con
ATi, i giorni di partnership con NVIDIA erano già finiti. NVIDIA
non permetteva nessun tipo di adulterio ai suoi clienti.

Oggi, la situazione e più rilassata. I chip ATi
sono diventati una rispettabile alternativa a quelli di NVIDIA. Il pugno
ferreo di quest’ultima non potrà andare avanti per molto. NVIDIA
sta facendo del suo meglio per fare un disastro dopo l’altro, certamente
grazie anche al supporto del marketing di ATi, che si sta impegnando per
dimostrare che avere scrupoli, tendenze arcaiche e morale sono scelte
poco professionali.

Ho chiesto a Jonney Shih, CEO di Asus, se la scelta
di includere nel loro portofolio delle schede basate su ATi dipendeva
da dei problemi con NVIDIA. Jonney, famoso per modestia ed estrema sincerità,
mi ha detto che Asus non farebbe mai una cosa del genere con i suoi soci
di affari. Infatti, Asus non cominciò a offrire prodotti ATi quando
NVIDIA si trovò in un brutto periodo dopo il lancio dell’NV30.
Comunque, ora che NVIDIA è tornata, lui e il suo GRX VP H.C. Hung
hanno deciso che era il momento giusto.

ATi ha ragione di rallegrarsi per l’anticipata partenza
delle sue schede rispetto a quelle di NVIDIA? No signore! Asus vuole offrire
entrambe le soluzioni allo stesso modo. Questa non è una transizione
da ATi a NVIDIA. Asus non intende uscire da una stretta relationship per
rituffarsi dentro un’altra spiacevole situazione. L’idea è di avere
entrambi i chip a un livello molto competitivo. La nuova situazione farà
concentrare NVIDIA nel fare quello che è più capace – progettare
eccellenti soluzioni 3D. Alla fine tutto ciò porterà dei
benefici per tutti. Non è una buona idea per una svolta?

Pagina 8: Commento: Thomas Pabst

Indice