Computer Portatili

Qualcomm Snapdragon, si punta forte su Chromebook e ACPC Windows

In un contesto di digital transformation accelerata come quello che si è creato negli ultimi 18 mesi è divenuto fondamentale affidarsi alla tecnologia: il mobile computing risponde alle esigenze di diversi tipi di utente, dai consumatori più occasionali alle scuole alle imprese, fornendo PC e 2-in-1 sempre connessi e dotati di un’ottima autonomia, per fare fronte a lunghe ore di utilizzo di software o videochiamate.

La divisione italiana di Snapdragon, azienda leader nella connettività 5G e nella produzione di processori per i dispositivi mobili, ha presentato oggi a Milano le sue nuove soluzioni di always-connected PC con sistema operativo Windows e ChromeOS, evidenziando gli sviluppi intervenuti negli scenari di mercato negli ultimi due anni. Hanno partecipato all’evento Fabio Iaione, Country manager Italia di Qualcomm, Carlos Fernandez Pilo, Director of Sales EMEA di Qualcomm e Stefano Romanò, Notebook & Tablet Product Marketing Manager di Samsung Electronics Italia.

Photo: Qualcomm
Qualcomm Snapdragon Platform

Negli ultimi due anni sono intervenute nel panorama dei prodotti tecnologici nuove esigenze strettamente legate all’esperienza d’uso e all’affidabilità dei dispositivi: il settore degli smartphone ha risposto adeguatamente già da tempo, mentre quello dei computer si è rivelato meno ricettivo, rallentando la produttività ed evidenziando, per via del telelavoro o della didattica a distanza, le disparità nei singoli contesti e stili di vita negli utenti.

Qualcomm si propone di aiutare a colmare questo gap e soddisfare le esigenze di diverse fasce d’utenza grazie alle sue soluzioni di mobile computing con chipset Snapdragon di seconda generazione (Gen 2):

  • 8cx per gli utenti premium ed enterprise;
  • 8c per gli utenti mainstream;
  • 7c per gli utenti entry level e l’istruzione.

La gamma di dispositivi con soluzioni Snapdragon comprende PC fanless e 2-in-1 che rientrano nella categoria dell’always-connected PC e beneficiano del know-how dell’azienda che già dal 2018, con i PC Windows dotati dei chip 835 e 850, ha investito risorse in questo campo. La gamma di device spazia dai modelli pensati per l’enterprise a PC votati alla produttività, fino ad arrivare a modelli rugged con materiali di grado militare, concepiti per essere utilizzati senza timore anche dai bambini.

Qualcomm ACPC

Questi device uniscono da un punto di vista pratico l’esperienza d’uso di un PC, che in questi mesi si è rivelata essere insostituibile in contesti come quello scolastico o lavorativo, alle caratteristiche più apprezzate degli smartphone e delle tecnologie mobili. Sono infatti dotati di un comparto batteria capace di sostenere in media 16 ore di utilizzo prolungato, senza tuttavia trascurare le performance, arricchite dalle tecnologie AI ormai implementate da tempo sugli smartphone come la fotografia computazionale. Dal punto di vista del design colpisce invece in questi dispositivi il form factor sottile, compatto e senza ventole.

La connettività è tuttavia l’ambito in cui i dispositivi di mobile computing dimostrano al meglio le loro potenzialità: grazie alla compatibilità con le schede di rete (sia tradizionali che eSIM) sono infatti in grado di fornire una connessione a dati mobili privata, affidabile e sicura. Qualcomm, leader nella connettività 5G, prevede di utilizzare le potenzialità della rete per garantire un’esperienza d’uso ancora più integrata e intuitiva.

Acer Chromebook 314

A fare uso dei nuovi chipset Snapdragon saranno non solo PC con il sistema operativo Windows 11, ma anche alcuni modelli di Chromebook: la piattaforma ChromeOS rappresenta per Qualcomm un’ulteriore opportunità per proporre le sue soluzioni nel contesto scolastico, ma non solo. Se infatti le vendite dei Chromebook in Italia occupano ancora una posizione minoritaria, le scuole si affidano sempre più stesso alla suite Google e ai servizi in cloud per gestire videolezioni, compiti e consegne. Non manca tuttavia una domanda di mercato, per quanto tutt’ora limitata, da parte di aziende e piccole e medie imprese.

L’utilizzo di computer always-connected apre nuove strade alla sicurezza, non solo per il monitoraggio più efficiente dei device dedicati all’istruzione, ma anche nel settore enterprise: grazie a queste soluzioni sarà infatti possibile accelerare l’installazione di patch di sicurezza, la riparazione e la sostituzione dei dispositivi, incrementando così la produttività.

Samsung Galaxy Book Pro

L’avvicinamento di queste soluzioni di PC al mondo della telefonia apre anche, come ha sottolineato Romanò di Samsung Italia, allo sviluppo di un sistema integrato, capace di collegare tra di loro i sistemi operativi di smartphone, PC, wearable e accessori e le loro relative esperienze d’uso.

Prodotti come il Galaxy Book Go con piattaforma Snapdragon 7c, si inseriscono di nome e di fatto all’interno di quello che è ormai un sistema complesso e integrato, legato da una brand identity forte e pensata per affrontare le sfide poste dalle nuove dinamiche ibride di lavoro e produttività.

In cerca di un dispositivo leggero e performante per le task quotidiane? Perché non considerare un Chromebook: Lenovo IdeaPad Duet è ora in offerta su Amazon.