Schede Grafiche

Radeon Image Sharpening funziona anche su alcune Radeon RX 400 e RX 500

Quando esce una nuova generazione di schede video gaming l’attesa degli appassionati si concentra principalmente sulle prestazioni pure con i videogiochi, ma altrettanto importanti sono le nuove tecniche che AMD e Nvidia propongono per migliorare l’esperienza e la qualità visiva.

Nvidia si è concentrata sul ray tracing e il DLSS, AMD dal canto suo ha proposto con le ultime schede Radeon RX 5700 altre tecnologie, tra cui RIS, acronimo che sta per Radeon Image Sharpening.

Questa soluzione non è altro che un insieme di algoritmi per rendere più definite in modo selettivo alcune aree in primo piano, riducendo la sfocatura che può emergere attivando vari metodi di anti-aliasing (AA) o se avviate i giochi a una risoluzione inferiore a quella dello schermo. L’impatto prestazionale di Radeon Image Sharpening è minimo, circa l’1%.

La buona notizia è che talvolta alcune di queste novità non rimangono confinate alle nuove GPU, ma funzionano anche con le soluzioni precedenti. Ebbene, con i nuovi driver Radeon Software Adrenalin 2019 Edition 19.9.2 la tecnologia Radeon Image Sharpening sbarca anche sulle schede Radeon RX 470, 480, 570, 580 e 590 basate su architettura Polaris e molto diffuse.

RIS si basa su una tecnica chiamata Contrast Adaptive Sharpening (CAS) e su questi modelli funziona solo con i giochi DX12 e Vulkan, mentre sulle RX 5700 sono supportati anche i titoli DX9. Assente la compatibilità con i giochi DX11, API usa ampiamente negli ultimi anni. È necessario inoltre avere Windows 10.

I nuovi driver offrono altre migliorie, ad esempio incrementano le prestazioni fino al 16% delle schede RX 5700 in Borderlands 3 rispetto ai driver 19.9.1 usciti la scorsa settimana.

Risolti infine alcuni bug, tra cui un problema con i monitor dotati di refresh rate massimo a 75 Hz, diffusi nella fascia bassa del mercato, su cui il frame rate rimaneva bloccato a 30 FPS con V-Sync abilitato.Per il changelog completo e i link per scaricare i driver vi consigliamo di seguire questo indirizzo.