Schede Grafiche

Radeon R9 Fury X, Fury e Nano: le schede video con GPU Fiji e HBM stanno per arrivare

"Una nuova era del PC Gaming". AMD non ha usato mezzi termini per introdurre il suo evento all'E3 2015 di Los Angeles. E ha fatto bene. L'azienda statunitense ha aperto davvero un nuovo capitolo con tre nuove schede video che rispondono al nome di Radeon R9 Fury X, R9 Fury e R9 Nano. Ce ne sarebbe anche una quarta, una dual-GPU Fiji con HBM, ma AMD ha detto che arriverà in autunno, senza aggiungere altre informazioni.

amd e3 radeon 01
Richard Huddy

Tutti i giocatori dovrebbero essere contenti di questo annuncio e di questa conferenza. Via le bandiere e le stupide divisioni, anche perché Nvidia in futuro salterà sul carro della memoria HBM, e allora ci sarà ancora più concorrenza. A vantaggio di ogni consumatore.

amd e3 radeon 04
AMD Fiji con memoria HBM ai lati

Si apre una nuova era perché AMD è la prima azienda ad adottare la memoria HBM, acronimo di High Bandwidth Memory. Era stata la prima ad adottare anche le GDDR5. Arrivare primi non sempre paga, ma forse in questo caso, chissà.

amd e3 radeon 05

Dopo mesi d'indiscrezioni e informazioni frammentarie, otteniamo la conferma che la Radeon R9 Fury X è una scheda interamente raffreddata a liquido, mentre la Radeon R9 Fury adotta un dissipatore ad aria. E poi c'è la R9 Nano, una scheda che con una lunghezza di 6 pollici (circa 15,2 cm) offre una potenza superiore alla Radeon R9 290X (2 volte le prestazioni per watt).

amd e3 radeon 11
AMD Radeon R9 Nano

AMD ha inoltre dichiarato come la nuova gamma R9 Fury e Nano, ma anche le soluzioni Radeon 300 e le attuali proposte Radeon 200 e quelle della serie HD 7000 saranno pronte per le DirectX 12 di Microsoft.

Un tema che, insieme alla realtà virtuale, è stato al centro della conferenza, con diversi sviluppatori sul palco a spiegarne i vantaggi – potete leggerli in questo articolo – e con il tocco finale di DICE, che ha mostrato per la prima volta Start Wars: Battlefront su PC. Una clip molto breve, ma il gioco sembra promettere molto bene anche sulla nostra piattaforma preferita.

amd e3 radeon 06

AMD non è chiaramente entrata nei dettagli tecnici, una conferenza mondiale non si presta ai tecnicismi che amano i lettori di Tom's Hardware, quindi ha solo annunciato che ci saranno diverse nuove schede video della serie Radeon 300 (principalmente dei "rebrand" della serie Radeon 200), dalle Radeon R7 360 / 370 alle soluzioni Radeon R9 380 e R9 390 tutte disponibili nei negozi tra pochi giorni, il 18 giugno per l'esattezza, presso "molti shop online".

amd e3 radeon 07

Per quanto riguarda i prezzi, l'azienda ha snocciolato quelli in dollari statunitensi. La famiglia R7 360 da 2 GB ha un prezzo di partenza di 109 dollari. La gamma R7 370 – con un massimo di 4 GB di memoria GDDR5 – sarà venduta a un prezzo di 149 dollari. La serie R9 380 da 199 dollari (4 GB) e quella R9, con R9 390 e R9 390X, a 329 e 429 dollari (fino a 8 GB GDDR5).

amd e3 radeon 08

Per quanto riguarda la gamma "Fiji" bisognerà aspettare di più: Fury X nei negozi dal 24 giugno a 649 dollari (attraverso rivenditori selezionati). Il 14 luglio toccherà alla Fury a 549 dollari. Nessuna indicazione di prezzo per la Fury Nano, che arriverà nel corso dell'estate, e la "dual GPU Fury" che seguirà in autunno.

amd e3 radeon 09

Qualche conferma "tecnica" in più AMD l'ha data sulle schede top di gamma. L'azienda ha affermato che la R9 Fury X offre 1,5 volte le prestazioni per watt della R9 290X grazie a 4096 stream processor, 8,9 miliardi di transistor e 8,6 teraflops di potenza. Insomma, giocare a risoluzione 4K non dovrebbe più essere un vero tabù, nemmeno per la singola scheda video.

amd e3 radeon 10

Quei bontemponi di AMD hanno chiuso l'evento ricordandoci che anche se dovessimo acquistare una scheda R9 Fury X, questa andrà bene solo per un lasso di tempo ben definito. Per il futuro si parla già di realtà virtuale con 16K per occhio a 120/240 Hz, con una potenza di un petaflops necessaria per gestire il tutto al meglio.

amd e3 radeon 03
amd e3 radeon 02

Insomma, il progresso non si ferma, ma il messaggio di AMD è "siamo pronti, e lo saremo anche in futuro". E questo lo si capisce bene da quanto mostrato durante la conferenza: un small form factor PC chiamato Project Quantum con due GPU Fiji a bordo. Un vero gioiello, e chissà, magari un "facsimile" di ciò che avremo in casa tra pochi anni.