10 0 8 Asus RoG Maximus XI Hero Wi-Fi
Tom's Hardware Italia
Schede madre

Recensione Asus ROG Maximus XI Hero (Wi-Fi). Solo per overclocker?


Asus RoG Maximus XI Hero Wi-Fi

Form factor
ATX
Socket
LGA 1151
Chipset
Intel Z390
Tipo Memoria
DDR4
Slot memoria
4
Pagina 1: Recensione Asus ROG Maximus XI Hero (Wi-Fi). Solo per overclocker?
La Asus RoG Maximus XI Hero Wi-Fi è una scheda madre di fascia alta basata sul chipset Intel Z390 Express, compatibile con i processori Intel Core di ottava e nona generazione.

Il prezzo di circa 340 euro della ROG Maximus XI Hero la mette in diretta competizione con altre schede dotate di funzionalità come Ethernet 10Gb e Thunderbolt 3 (ad esempio la ASRock Taichi Ultimate e la Gigabyte Designare), tuttavia la sua dotazione assomiglia più a quella delle schede madre che costano circa il 10% in meno. L’overclock è leggermente migliore rispetto a molte rivali, ma il prezzo risulta elevato. Se non siete troppo affezionati ai prodotti Asus, troverete degli affari migliori dirigendo la vostra attenzione su altri produttori.

Specifiche tecniche

Socket LGA 1151
Chipset Intel Z390
Form Factor ATX
VRM 10 fasi
Uscite video DisplayPort 1.2, HDMI 1.4b
Porte USB 10 Gbps: (1) Tipo C, (3) Tipo A
5Gb/s: (2) Tipo A; (2) USB 2.0
Connettori di rete Gigabit Ethernet, (2) Antenna Wi-Fi
Jack audio (5) Analog, (1) Digital Out
Porte legacy (1) PS/2
Altre porte CLR_CMOS, pulsanti BIOS Flashback
PCIe x16 (3) v3.0 (x16/x0/x2*, x8/x8/x2*, x8/x8/x4*)
(*due linee condivise con SATA 5-6)
PCIe x8
PCIe x4
PCIe x1 (3) v3.0
CrossFire/SLI 3x / 2x
Slot DIMM (4) DDR4
Slot M.2 (1) PCIe 3.0 x4 / SATA*, (1) PCIe 3.0 x4
(*occupa la porta SATA 2)
Porte U.2
Porte SATA (6) 6Gb/s (Porta 2 condivisa con SATA M.2, 5-6 con PCIe x16-3)
Header USB (1) 10Gb/s Tipo C*, (2) v3.0, (2) v2.0
(*occupa gli slot PCIe x1 2/4)
Header ventole (8) 4-Pin, (1) 3-pin Pump, (1) Asus Fan Extension Card
Interfacce legacy System (Beep-code) Speaker
Altre interfacce FP-Audio, (2) RGB-LED, (2) D-LED, TPM, Asus NODE, Termistore, (2) Water FlowD
Pannello diagnostico Numerico
Pulsanti/switch interni Power, Reset, Boot Retry / MemOK
Controller SATA Integrato (0/1/5/10)
Controller Ethernet WGI219V PHY
Wi-Fi / Bluetooth Intel 9560 802.11ac 2×2 (1.73Gb/s) / BT 5 Combo
Controller USB
HD Audio Codec ALC1220
DDL/DTS Connect
Garanzia 3 anni

La nuova scheda madre di Asus è la “quarta classificata” della famiglia, ma nella serie Republic Of Gamers dedicata agli utenti più esigenti resta comunque una Maximus, anche se dotata di meno funzionalità rispetto alle sorelle maggiori. Restano infatti, ad esempio, due slot PCIe x16 che supportano uno SLI x8/x8, un VRM e un firmware curati per facilitare l’overclock e due slot M.2 con dissipatore.

Il pannello I/O è quello classico delle schede da gaming dotate di chipset Z390. Il Wi-Fi è offerto dal modulo Intel 9560 CNVi PHY che si interfaccia con il chipset e raggiunge una velocità fino a 1,73 Gb/s, mentre il controller Intel i219V PHY garantisce la connessione Gigabit Ethernet. Non mancano una porta a cui collegare tastiera o mouse PS/2, sei USB (quattro 3.1 Gen 2 di cui una tipo C, due 2.0). Per il video abbiamo una DisplayPort 1.2 e una HDMI 1.4b in grado di supportare il 4K 30 Hz. L’unica funzionalità che non è presente sulle schede dei competitor è il pulsante per l’USB Bios Flashback, che permette all’utente di aggiornare il firmware della scheda madre per aggiungere il supporto a CPU o DRAM di nuova generazione senza la necessità di averne installate di vecchie da usare durante l’aggiornamento.

I pulsanti power e reset sono posizionati in alto a destra, in modo da poterli usare anche quando la scheda è installata in un case, nel caso in cui non collegaste come si deve i pulsanti dello chassis. Il pannello diagnostico si trova nella stessa posizione e presenta degli indicatori LED che mostrano l’inizializzazione di CPU/DRAM/VGA/Avvio. Sulla scheda troviamo poi due connettori per led RGB, otto connettori a 4 pin per le ventole e due per strisce led ARGB.

Se otto connettori non fossero sufficienti per tutte le vostre ventole, sappiate che la Asus Fan Extension Card permette di collegarne altre quattro. Il connettore a 5 pin a cui collegare la scheda d’espansione si trova nella parte inferiore della motherboard, al centro. Alla sua sinistra troviamo l’Asus Retry Button, lo switch MemOK II, il connettore TPM, il secondo connettore RGB, quello ARGB e quello per l’audio del pannello frontale. A destra troviamo invece i connettori per USB 3.0, Asus Node, due USB 2.0, due 4 pin per le ventole, beep-code speaker e il pannello standard di Intel per pulsanti e led del case. Poco sopra è presente anche un connettore a 3 pin per le ventole.

Asus lo chiama “3-pin Water Flow header”, dal momento che controlla la velocità della pompa in base alle letture dei due sensori posti sopra. Il Retry Button è utile per i sistemi overcloccati che non sempre riescono ad avviarsi, dal momento che non interferisce con le impostazioni del firmware. Lo switch MemOK II è abilitato di default e riferisce alla scheda se è possibile riavviare il sistema con impostazioni DRAM inferiori nel caso in cui venga rilevato un errore. Il connettore Asus Node consente invece di collegare accessori di terze parti specifici per sviluppatori e di farli interfacciare direttamente con il firmware.

Un nuovo VRM con dieci MOSFET e dieci induttori fornisce energia alla CPU tramite otto “fasi”e, senza entrare troppo nel dettaglio relativamente al design, offre al processore almeno 360 Ampere. Altri punti d’interesse sulla scheda sono il connettore USB 3.1 Gen 2 vicino al 24-pin ATX e una USB 3.0 che, trovandosi nella parte inferiore, limita l’installazione della maggior parte delle schede video quando è collegato il cavo del pannello frontale. Il problema non è comunque poi così grande, visto che quello slot ha solamente due linee PCH e può essere portato al massimo a quattro (disattivando due porte SATA nel firmware), quindi nessuno ci installerà mai delle GPU di fascia alta.

Per il resto, non ci sono problemi di spazio se si vogliono inserire schede negli slot x16 o x1. Gli slot x1 sono aperti posteriormente, e questo potrebbe far pensare ai possessori della Maximus XI Hero di riempirla con qualsivoglia dispositivo, ma ci sono dei limiti. Abbiamo tolto una scheda grafica a singolo slot dalla PCIe x16 e l’abbiamo inserita nel PCIe x1 superiore, scoprendo così che per poterla installare è necessario rimuovere il dissipatore dello slot M.2 lì vicino e che usare questo slot disabilita un M.2. Se inseriamo la scheda nel secondo slot x1 questa si posiziona tra due file di pin di un mini header non meglio specificato vicino alla batteria RTC, e non sappiamo se questo possa creare problemi. Lo slot M.2 inferiore previene invece l’installazione nella terza PCIe x1 di una qualsiasi scheda più lunga di una x8.

Per quanto riguarda il bundle, troviamo un disco contenente i driver, quattro cavi SATA, prolunghe per RGB e ARGB, un sottobicchiere, le antenne del Wi-Fi, un ponte SLI, il manuale, un codice sconto per cablemod.com e vari sticker ROG.