Tom's Hardware Italia
Monitor

Angoli di visione, uniformità, risposta e lag

Pagina 6: Angoli di visione, uniformità, risposta e lag
Angoli di visione Come qualsiasi monitor IPS, anche questo Asus ha dei limiti se visto troppo lontano dagli assi. A 45° appare una tinta verde, l’uscita scende del 30%, ma il dettaglio rimane chiaro. È simile ai migliori monitor IPS che abbiamo fotografato. Dall’alto, l’immagine si slava un po’ e l’uscita si riduce del 50%. […]

Angoli di visione

Come qualsiasi monitor IPS, anche questo Asus ha dei limiti se visto troppo lontano dagli assi. A 45° appare una tinta verde, l’uscita scende del 30%, ma il dettaglio rimane chiaro. È simile ai migliori monitor IPS che abbiamo fotografato. Dall’alto, l’immagine si slava un po’ e l’uscita si riduce del 50%.

Uniformità schermo

Il nostro sample di PG27UQ ha leggermente deluso nel test sull’uniformità del campo di nero, con un punteggio del 15,7%. Le anomalie sono apparse agli angoli dello schermo, dove c’era un punto caldo appena visibile. Una volta che i livelli di luce sono aumentati, non ci sono più stati problemi. Al 100% il punteggio è sceso a circa il 5%, che si traduce in un’uniformità perfetta da bordo a bordo. Il colore è medio, con una deviazione di 2,07dE. E non siamo riusciti a vedere nessun problema ad occhio nudo nel nostro modello di campo di grigio dell’80%.

Risposta pixel e input lag

Il PG27UQ è certamente reattivo con un tempo di disegno a schermo di 7 ms. È tipico dei monitor che funzionano a 144 Hz e oltre. Ha però perso per strada alcuni millisecondi nel test sul lag, probabilmente a causa della quantità di processo richiesto per mostrare 8,3 milioni di pixel a schermo. È comunque molto più veloce di qualsiasi monitor a 60 Hz e pochi giocatori noteranno problemi. Con G-Sync e frame rate elevati, dubitiamo che chiunque percepisca la differenza di 10 ms tra questo monitor e l’MSI MAG24C.

Gaming con G-Sync & HDR

Call of Duty: WWII si avvantaggia dell’HDR mostrando ombre molto dettagliate e luci speculari, come il bagliore della luce del sole che si riflette sul metallo, ed elementi strutturali lontani, come nuvole e acqua – se dovete ancora giocare in Ultra HD con HDR, questo gioco vi sembrerà una rivelazione. Abbiamo visto una CGI inferiore in molti film hollywoodiani.

Sul PG27UQ, l’HDR dà letteralmente vita alle texture. L’invasione del D-Day all’inizio lo illustra perfettamente, e abbiamo potuto immediatamente notare la differenza tra un’uniforme asciutta e una bagnata. Le texture facciali erano ugualmente “vive”, con lo sporco e i tagli del rasoio resi alla perfezione. Curiosi del frame rate? La nostra GTX 1080 Ti ha mantenuto l’azione tra 80 e 90 frame al secondo senza difficoltà. Abbiamo impostato il PG27UQ a 144Hz e non abbiamo mai osservato un singolo tentennamento. Motion blur? Dimenticatevelo. Non vi mancherà, fidatevi di noi.

I colori estesi giocano un ruolo secondario in questo monitor. Le sfumature della Seconda Guerra Mondiale sono incolore e scure, come ci aspettiamo. I toni carne sono del tutto naturali e, una volta illuminati, mostrano una corretta sfumatura di rosso e arancione. Anche le nuvole e il cielo sembrano brillanti con una profondità che semplicemente non è possibile avere in SDR o sRGB.

Abbiamo anche provato Tomb Raider e Far Cry 4 per vedere come il PG27UQ funzionasse con i titoli SDR. Il contrasto in più è evidente con neri profondi e trame accese. Titoli di alta qualità come questi si vedranno in modo fantastico sul PG27UQ, nonostante il color gamut sRGB. Con frame rate nell’intervallo di 70-80 fps, la risposta è fluida e senza sfocature. Anche l’input lag è inesistente. Questo monitor dà nuova vita alla vostra libreria di giochi esistente.