Tom's Hardware Italia
Monitor

Scala di grigi HDR, EOTF e colore

Pagina 5: Scala di grigi HDR, EOTF e colore
Per i benchmark HDR abbiamo aggiunto un HD Fury Integral alla catena del segnale per simulare un contenuto HDR10 dal nostro generatore di modelli Accupel DVG-5000. Questo ci permette di misurare la scala di grigi del monitor Asus a incrementi del 5% e tracciare la Electro-Optical Transfer Function (EOTF), un valore elettronico nel contenuto che […]

Per i benchmark HDR abbiamo aggiunto un HD Fury Integral alla catena del segnale per simulare un contenuto HDR10 dal nostro generatore di modelli Accupel DVG-5000. Questo ci permette di misurare la scala di grigi del monitor Asus a incrementi del 5% e tracciare la Electro-Optical Transfer Function (EOTF), un valore elettronico nel contenuto che indica la luminosità visualizzata sul monitor, e calcolare le capacità di color gamut all’interno del container Rec.2020.

Tracciamento scala di grigi ed EOTF

Abbiamo misurato modelli a pieno campo e in una finestra del 10% e riscontrato che l’ultimo offre la migliore accuratezza. La scala di grigi è essenzialmente perfetta dal basso all’alto con solo una leggera tendenza al blu nelle tonalità medie. Gli errori elevati sono causati da un leggero aumento nella EOTF vicino al punto di clipping. Non è qualcosa di visibile a occhio nudo. Il PG27UQ ha la scala di grigi HDR e il tracking della luminanza più accurati visti sinora.

Color Gamut entro Rec.2020

La maggior parte degli schermi HDR adotta un approccio piuttosto interpretativo al tracciamento del colore per far sembrare che il gamut sia ampio e vivido il più possibile. Il PG27UQ rimane piuttosto vicino al punto, ma aumenta un po’ la saturazione. Anche se non è del tutto accurato, è più vicino di qualsiasi altro monitor HDR che abbiamo testato. Tutti i punti di colore sono vicini al loro obiettivo indipendentemente dal gamut di base. È persino arrivato vicinissimo ai limiti esterni del triangolo Rec.2020. Se volete capire e vedere cosa significa “colore esteso”, questo monitor è un esempio definitivo.

Blu-ray Ultra HD

Il PG27UQ non è solo un monitor gaming, può fare tutto e bene, inclusa la visione di video. Collegando il nostro player Blu-Ray 4K Philips BDP-7501 abbiamo visto che è uno schermo perfetto per vedere gli ultimi contenuti ad alta risoluzione in HDR. Gestisce i 24p correttamente, quindi non c’è lo stuttering che abbiamo visto sui monitor che convertono a 60p. Passa anche automaticamente in modalità HDR quando necessario, senza intervento dell’utente. Se trovate l’immagine troppo luminosa, andate nel menu Color e abbassate lo slider Reference White. Normalmente è fisso a 80 nits, che va bene per la maggior parte dei contenuti.

Planet Earth II è un contenuto di riferimento per qualsiasi schermo Ultra HD. L’abbiamo guardato su almeno 20 tra proiettori, monitor e televisioni, ma nessuno può tenere il confronto del PG27UQ. Il colore extra è evidente nei cieli blu, nelle luci rosse intense e nel verde ricco degli alberi e della vegetazione. Il dettaglio è stato reso persino più impressionante dal contrasto superbo offerto dalla retroilluminazione full-array. Abbiamo ricercato l’effetto alone che è una caratteristica delle unità a più zone e l’abbiamo visto occasionalmente in apertura dell’episodio Città del documentario, ma i cieli stellati non hanno prodotto quell’artefatto. A questo riguardo è superiore al Dell UP2718Q.

Per controllare il dettaglio delle ombre e i livelli di nero, abbiamo guardato “Un posto tranquillo”, che è zeppo di contenuto scuro. I neri sono davvero neri su questo monitor e per farci capire stiamo parlando di neri al livello dei plasma. L’HDR ci riconsegna l’incredibile gamma dinamica di cui godevamo nell’era dei CRT. Ci sono molti display che offrono HDR e colori estesi, ma non abbiamo visto nessuno che lo implementasse come il PG27UQ.