Storage

Risultati test prestazionali

Pagina 3: Risultati test prestazionali

Confronto prestazioni per tipo di dati

Il controller S10 di Phison gestisce dati comprimibili e incomprimibili in modo differente. La lettura di piccoli blocchi comprimibili con l'S10 avviene poco più rapidamente rispetto al test equivalente usando dati incomprimibili.

ZOTAC ZTSSD A5P 480G PE 480GB 1GB 20151106 1931 r 600x450
ZOTAC ZTSSD A5P 480G PE 480GB 1GB 20151106 1929 r 600x450

Non è importante l'incremento prestazionale con i dati comprimibili quando la situazione di partenza è questo. Non facciamo l'errore di pensare che la situazione sia simile a quella degli SSD basati su controller SandForce, in cui i dati incomprimibili influenzano la velocità alla quale sono scritti i blocchi di piccole o grandi dimensioni.

2 r 600x450

Il nuovo firmware 1.6 gestisce i dati incomprimibili in modo un po' più intelligente rispetto alle precedenti build che abbiamo testato. Gran parte dei nostri test usa questo tipo di dati, quindi vedrete gli SSD Premium Edition scalare le classifiche prestazionali nella maggior parte dei nostri test rispetto ai prodotti che abbiamo testato in precedenza basati sullo stesso controller.

Lettura sequenziale

image002 r 600x450
image001 r 600x450

Una cosa che non è cambiata è l'abilità del controller S10 di leggere dati sequenziali molto rapidamente. Dobbiamo ancora provare un SSD S10 con memoria MLC che non ha dominato questo benchmark. Persino a basse queue depth il controller quad-core riesce a ricavare molte prestazioni dalla memoria NAND Flash.

Scrittura sequenziale

image004 r 600x450
image005 r 600x450

In passato le prestazioni in scrittura sequenziale delle unità S10 erano sempre al top delle classifiche. Il nuovo firmware porta le soluzioni di Zotac allo stesso livello. I giocatori che stanno cercando tempi di caricamento ridotti beneficeranno di questi elevati valori di lettura e scrittura sequenziale.

Entrambe le capacità offrono prestazioni quasi identiche nei due test sequenziali, al livello degli SSD 850 EVO. L'aspetto più interessante è che il modello da 240 GB supera molte unità più capienti.

Lettura casuale

image006 r 600x450

Storicamente i controller Phison manifestavano problemi a lavorare con piccoli blocchi di dati. L'informazione a cui si accede casualmente è quasi esclusivamente in piccoli blocchi – almeno in Windows. Quando testiamo gli SSD e li separiamo in classi prestazionali, usiamo come scala le prestazioni in lettura casuale con una queue depth di uno. Qualsiasi unità con un punteggio inferiore a 7000 IOPS termina nella parte inferiore della scala, dove trovate i prodotti a basso costo. Il livello medio copre un intervallo da 7000 a 9000 IOPS. Qualsiasi SSD capace di fornire più di 10.000 IOPS è davvero speciale. Solo pochi SSD SATA sono in grado di farlo e persino alcuni SSD PCIe hanno problemi a superare quella soglia.

image007 r 600x450

Gli SSD Premium Edition di Zotac fanno parte di questo club esclusivo. Questo è il livello prestazionale che ci aspettavamo fin dall'inizio da un quad-core S10 accoppiato con una NAND MLC. Dopo un anno di lavoro, il controller soddisfa le nostre aspettative. Ciò che sorprende è che l'S10 offre prestazioni così elevate tramite AHCI anziché interfaccia NVMe.

image008 r 600x450

Scrittura casuale

Anche le prestazioni in scrittura casuale dei prodotti Zotac sono molto alte. Vediamo ancora una volta gli SSD allo stesso livello degli 850 EVO di Samsung. È più facile realizzare queue depth più alte durante le operazioni di scrittura casuale piuttosto che durante le letture casuali. Perciò guardiamo più in alto nell'intervallo della queue depth, dove troviamo ancora una volta gli SSD Premium Edition accanto all'SSD 850 EVO da 500 GB.

image009 r 600x450
image010 r 600x450
image001 r 600x450