Storage

Prestazioni con software reali

Pagina 5: Prestazioni con software reali

PCMark 8

Il software reale spinge raramente i dispositivi di archiviazione veloci ai loro limiti. Se non vi sembra di ottenere un effetto palpabile dopo l'aggiornamento da un SSD ad un altro, i seguenti test vi aiutano a capire come l'aggiornamento influisce sul tempo di completamento di alcune operazioni.

Il Sonix da 480 GB insegue il suo concorrente NVMe in molti dei nostri test. Tutti i prodotti in classifica sono più veloci rispetto agli SSD SATA che siamo soliti recensire. È un peccato che questo Sonix non sia veloce quanto altri contendenti nella sua classe.

image028

In questa classifica combiniamo tutti i test e la media del throughput misurato in MB/s, dandoci un modo facile di generalizzare sulle prestazioni generali. In questo contesto è facile vedere che il Sonix ha qualche ritardo da recuperare prima di essere considerato al livello delle unità NVMe di Samsung e Intel.

PCMark 8, prestazioni con carichi avanzati

image029 r 600x450
image030 r 600x450
image031 r 600x450
Clicca per ingrandire

Dopo tutti i nostri benchmark, non dovrebbe sorprendere vedere il Sonix da 480 GB dietro i concorrenti NVMe nel throughput delle applicazioni.

Come molti SSD mainstream il Sonix si comporta meglio con carichi leggeri. E quando l'SSD ha il tempo di ripulire le proprie celle NAND, le prestazioni in scrittura migliorano. L'attività in background, tuttavia, sembra influenzare le prestazioni all'aumentare dell'uso, anche se l'E7 ha quattro core per minimizzare le operazioni di manutenzione.

Tempo d'accesso totale

image032 r 600x450
image033 r 600x450
image034 r 600x450
Clicca per ingrandire

Non date per scontato che solo perché un SSD usa un'interfaccia NVMe, offre una bassa latenza in tutti i carichi di lavoro. Quando guardiamo ai migliori e peggiori in un grafico sul tempo di accesso, è difficile non pensare all'E7 di Phison come il primo controller NVMe entry-level al mondo. Ci auguriamo che Zotac e Phison si occupino della latenza sotto carichi elevati, e portino le prestazioni in linea con la concorrenza.

I numeri che abbiamo con test meno esigenti sono più simpatici. Il Sonix supera persino il lodato SSD NVMe di Samsung dopo aver recuperato da un carico pesante – nuovamente l'unità di Samsung impiega di più per riprendersi da condizioni debilitanti, quindi non è una grande vittoria come sembra.

image035

Volevamo includere i nostri test sul tempo di occupazione per restituire una migliore idea di come potrebbero essere i consumo, dato che il nostro test svolto su notebook non è compatibile con le schede aggiuntive. Questa classifica ci dice quanto a lungo – in secondi – ogni unità sta davvero lavorando.

Nella maggior parte degli scenari più esigenti, il Sonix ha impiegato tre volte di più per terminare rispetto all'SSD 750 e il doppio rispetto ai dischi NVMe di Samsung. Sotto carichi più leggeri il Sonix è in linea con gli altri SSD. Sembra come se la prestazione incoerente osservata in alcuni dei nostri benchmark sintetici si specchi in ambienti ad alta intensità.