Tom's Hardware Italia
Accessori PC e Gaming

Recensione Tesoro Gram XS, meccanica slim da gaming

Pagina 1: Recensione Tesoro Gram XS, meccanica slim da gaming
Tesoro Gram XS   Gram XS è l'ultima tastiera meccanica slim di Tesoro PRO: Costruzione solida, retroilluminazione, buon feedback restituito dagli switch meccanici, possibilità di configurazione tramite software. CONTRO: Spaziatura dei tasti eccessiva, materiale dei tasti troppo flessibile, software ancora da ottimizzare. VERDETTO: Tesoro Gram XS è una tastiera meccanica slim che, nonostante le caratteristiche, […]

Tesoro Gram XS

 

Gram XS è l'ultima tastiera meccanica slim di Tesoro

download

Tesoro ha deciso di concentrarsi su "una nicchia di una nicchia" – le persone interessate alla qualità di una tastiera meccanica abbinata però a un design meno vistoso, da usare negli uffici e per certi versi meno gradito ai videogiocatori.

A prima vista la Tesoro Gram XS sembra una tastiera per prodotti Apple, ma non lo è. Ha un design a basso profilo, illuminazione discreta e colorazione bianca (esiste anche in versione nera se preferite).

tesoro gram xs 01
Clicca per ingrandire

Al contrario di tante altre tastiere meccaniche a basso profilo (Havit, Gamdias, Ducky, DataComp e Pok3r per citare dei nomi), la Gram XS è dotata di tasti a isola anziché di tasti normali solamente più bassi. Esistono tastiere a basso profilo che hanno chassis più sottili con switch più sottili e copritasti più sottili, ma nessuna usa copritasti a isola.

Solo Tesoro e Cooler Master sembrano adottare questa caratteristica costruttiva. Anche Kaihua sta sperimentando qualcosa di simile, ma crediamo che sia più intenzionata a creare progetti per il mercato dei portatili.

tesoro gram xs 02
Clicca per ingrandire

Per ora solo Tesoro ha creato una tastiera funzionante e in vendita su cui possiamo mettere le mani. Di conseguenza Tesoro e la sua Gram XS sono l'unica soluzione disponibile in questa specifica nicchia, almeno nel momento in cui scriviamo.

Peso e misure

Nel mondo delle tastiere meccaniche c'è il parere diffuso secondo cui gli switch lineari siano più adatti al gaming, in quanto tendono a essere più veloci, con un feedback che offre meno resistenza, mentre gli switch tattili siano migliori per la scrittura in quanto restituiscono un feedback fisico e sonoro per una migliore accuratezza. Potremmo trovare dei problemi in queste affermazioni, ma c'è sicuramente un pizzico di verità in ognuna.

In base alla nostra personale esperienza le differenze tendono a essere molto più sottili. Ci sono casi in cui troviamo uno switch migliore nel gaming e un altro in cui uno è migliore per la scrittura, ma non accade quasi mai di trovarsi di fronte a una tastiera meccanica ottima per un uso e terribile nell'altro.

tesoro gram xs 03
Clicca per ingrandire

In ogni caso, per questa valutazione iniziale delle tastiere a basso profilo le nostre idee sono leggermente cambiate. Inserendo variabili come la forma dei tasti, per non menzionare la rigidità (o la sua mancanza) di scocche così sottili, la valutazione cambia completamente.

Leggi anche: Recensione Drevo Tyrfing V2

Ad esempio, abbiamo notato che le alternative di Havit e Gamdias sono estremamente piacevoli per scrivere (per con qualche difetto qua e là), ma non ci sono piaciute per il gaming. Lasciano la sensazione che manchi qualcosa che le renda adatte allo scopo. Con la Tesoro Gram XS abbiamo avuto la sensazione opposta.

Anche dopo una settimana d'uso, non abbiamo avuto il colpo di fulmine che ci aspettavamo per quanto riguarda l'esperienza di scrittura, a causa dei suoi switch TTC rossi, ma abbiamo adorato l'esperienza con il gaming molto di più rispetto alle alternative.

Da cosa potrebbe essere causato? Dopo aver usato la Gram XS siamo giunti alla conclusione che è dovuto alla scocca. Quando si parla di flessione, non c'è paragone tra la Havit e la Gamdias e la Gram XS; il modello di Tesoro è più rigido. Gli altri due flettono in maniera notevole mentre si scrive.

E Tesoro, probabilmente, lo sapeva. Collaborando con TTC per la creazione degli switch, l'azienda ha voluto che la sua versione lineare Red fosse leggermente un po' più pesante rispetto ai Blue. Ciò però potrebbe non essere stato sufficiente; i Kailh PG1350 sono più pesanti degli switch Tesoro Slim (50g di forza di attuazione rispetto a 40g o 45g), e questi switch rossi necessiterebbero di altri 5g per risultare ancora più confortevoli.

In ogni caso, dopo ulteriori prove abbiamo finalmente capito la principale ragione per cui la Gram XS è così ostica quando si tratta di scrivere; la distanza tra i tasti. I copritasti della Gram XS hanno la stessa larghezza dei normali tasti di altre tastiere.

A causa però del design della scocca superiore, i copritasti a isola recedono all'interno della scocca quando li premete, quindi c'è un po' di cornice attorno ogni bordo di ogni copritasto. Perciò c'è un gap rilevante tra ogni copritasto – un po' più di 3 mm. Questo solo da un lato all'altro; il gap tra i copritasti dall'alto al basso è circa 4 mm. Se guardate invece a una tipica tastiera da desktop, i tasti sono molto più vicini, con una distanza tra l'uno e l'altro di solo 1 millimetro su ciascun lato.

tesoro gram xs 09
Tastiera classica – Clicca per ingrandire

Dunque lo spazio che c'è tra i tasti sulla Gram XS è di 3-4 volte maggiore rispetto ad altre alternative. Tesoro potrebbe migliorare l'esperienza di scrittura se riducesse tale distanza.

tesoro gram xs 08
Tesoro Gram XS – clicca per ingrandire

Questo spiega anche come mai la tastiera ci aveva convinto lato gaming; con tutto questo spazio, la possibilità di premere tasti vicini si riduce notevolmente. Una volta posizionate le dita sui tasti WASD non c'è proprio alcun rischio. Il problema della distanza da tasto a tasto viene eliminato quando la necessità è quella di premere 4 tasti o poco più. A ciò si aggiunge la solida costruzione che confrontata con le più sottili Havit e Gamdias, restituisce un feeling nettamente migliore.

Leggi anche: Guida all'acquisto della tastiera meccanica

Questa è una caratteristica voluta. Un rappresentante dell'azienda ci ha detto che tali scelte sono state fatte proprio per migliorare la stabilità degli switch meccanici, provando diverse soluzioni prima di arrivare a tali distanze.