Schede Grafiche

Recensione XFX Radeon R7 370 2GB Black Edition

Pagina 1: Recensione XFX Radeon R7 370 2GB Black Edition

XFX Radeon R7 370 2GB Black Edition

La XFX Radeon R7 370 2GB Black Edition offre le prestazioni base per avvicinarsi al mondo del gaming.

XFX Radeon R7 370 2GB Black Edition

Introduzione

Le schede video di fascia alta ricevono molta attenzione ma non tutti possono spendere molti soldi. Inoltre non sempre è necessario avere così tanta potenza. AMD, per esempio, ritiene che la Radeon R7 370 possa soddisfare gran parte dei propri clienti. La XFX R7 370 2GB Black Edition è basata sulla GPU Trinidad, un chip pensato per schede video a buon mercato capaci di offrire sufficienti prestazioni per giocare in Full HD.

DSC 6469

La Radeon R7 370 ha 1024 shader, 64 unità texture e 32 ROPs. Opera di base a 975 MHz e può essere accompagnata da 2 o 4 GB di memoria GDDR5 su un bus a 256 bit. La soluzione di XFX che testiamo è overcloccata di fabbrica, ha 2 GB di memoria GDDR5 a 5800 MHz e la GPU a 1040 MHz.

Prodotto XFX R7 370 2GB Black Edition
Processo produttivo 28nm
GPU, transistor 2,8 miliardi
Frequenza GPU 1040 MHz
Stream processor 1024
Unità texture 64
Textur fillrate 66,6 GT/s
ROPs 32
Pixel fillrate 33,3 GP/s
Bus 256 bit
Memoria 2GB GDDR5
Freq. memoria 5,8 GT/s
Bandwidth 185,6 GB/s
TDP 110W

Il prodotto

DSC 6486

Una delle prime cose si notano sulla XFX Radeon R7 370 Black Edition 2GB è che è priva di fronzoli. La copertura è in una plastica nera con finitura opaca mentre le ventole sono leggermente lucide, con gli adesivi con il logo XFX che riflettono la luce, coprendo il centro delle ventole. Per mantenere una certa coerenza XFX ha usato un PCB nero.

DSC 6461

XFX chiama la sua soluzione di raffreddamento Double Dissipation, e infatti troviamo due ventole IP5X da 90 mm che soffiano aria in basso attraverso il radiatore. L'azienda parla di tecnologia Ghost Thermal 3.0. Eccetto il contatto con la GPU, il radiatore sovrasta i componenti presenti sulla scheda.

XFX dice di offrire un raffreddamento migliore di quello tradizionale, permettendo all'aria di passare liberamente tra le alette orizzontali in alluminio, anche se lascia i moduli di memoria e le fasi del VRM senza contatto diretto, affidandosi all'aria che passa al di sopra. La GPU è a contatto con il radiatore e due heatpipe in rame placcato da 7 mm a forma di U passano attraverso le alette per migliorare il trasferimento termico.

Vedete quei piccoli pezzi di plastica negli angoli basso-sinistro e alto-destro di ogni ventola da 90 mm? Si tratta di fermi, che se pigiati permettono di staccare le ventole per una migliore pulizia, anche se i fili che le connettono all'alimentazione sono molto corti.

DSC 6457

La scheda è lunga 24,7 centimetri. Il PCB nero è largo 10 centimetri ma le due heatpipe fuoriescono dalla parte alta aggiungendo spessore. La soluzione di raffreddamento dual-slot è leggermente più stretta di quella di molte altre schede. La scheda non è pesante (508 grammi), ma non è nemmeno leggera.

DSC 6464

La Radeon R7 370 Black Edition richiede un connettore di alimentazione ausiliario a 6 pin che sporge sul retro della scheda piuttosto che dalla sua parte superiore. È orientato in modo che la rimozione sia più facile. Come potete vedere nell'immagine XFX ha riusato il design del PCB prendendolo da un'altra soluzioen: c'è uno spazio per un secondo connettore.

DSC 6484

Le più recenti GPU AMD non hanno bisogno di un collegamento CrossFire fisico, ma la R7 370 ne ha uno per consentire configurazioni a due schede.

DSC 6474

Le uscite sul retro della scheda includono dual-link DVI-D, dual-link DVD-I, una HDMI 1.4a e una DisplayPort. Nello spazio rimanente XFX ha ricavato delle feritoie, usando il suo logo come una griglia.

DSC 6485

In bundle con la scheda XFX offre una guida d'installazione rapida, un disco per i driver, una guida d'installazione e un adattatore che converte connettori 4 pin Molex a un connettore PCIe a 6 pin. La R7 370 richiede un alimentatore da 500 W, quindi la maggior parte degli alimentatori dovrebbe già avere i cavi necessari.

DSC 6456