Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Back to School: quale dispositivo tecnologico scegliere?

Il Back to School è alle porte, ma quale dispositivo tecnologico inserire nello zaino? Scopriamolo assieme.

Advertisement
Tra un paio di settimane circa, la campanella d’entrata suonerà in tutte le scuole d’Italia e per i nostri ragazzi sarà tempo di tornare sui banchi dopo le meritate vacanze, magari dovendo affrontare il passaggio a una scuola di nuovo grado, ad esempio le superiori o l’Università. In ogni caso, ormai affidarsi unicamente al cartaceo può essere limitante per uno studente. Spesso infatti gli approfondimenti online sono presenti come parte integrante dei libri di testo sin dalle primarie, senza contare che l’Information Technology e lo sviluppo delle competenze digitali costituiscono una parte fondamentale del curriculum di qualsiasi studente, dalle elementari in su. Poter contare sul supporto di un “alleato hi-tech”, come ad esempio un portatile MacBook o un tablet iPad, è dunque sempre più importante, ma come orientarsi nel mare magnum di marche e prodotti? Abbiamo affrontato l’argomento con MediaWorld, decidendo di puntare sui prodotti Apple, ed offrendovi di seguito una panoramica ragionata sui vari modelli, così da aiutarvi nella scelta.

Ma anzitutto, perché proprio un Apple? I dispositivi dell’azienda californiana offrono un insieme di caratteristiche che raramente possono essere riscontrate tutte assieme in altri prodotti. Facili da usare e intuitivi, sono potenti e versatili, offrono il supporto a tutti i software più comuni che si è abituati a usare a casa, dalla suite Microsoft Office per la produttività a programmi di fotoritocco come Adobe Photoshop o Lightroom, e godono di un’elevata sicurezza, il tutto racchiuso in dispositivi sottili, leggeri e, perché no, anche eleganti. Insomma, che si tratti di un portatile o di un tablet, i prodotti Apple possono davvero essere l’alleato perfetto per dare una marcia in più allo studio dei nostri figli.

Photo credit - depositphotos.com

iPad o MacBook?

Apple però offre sia i tablet iPad che i portatili MacBook e, per ciascuna delle due famiglie, sono diversi i modelli a disposizione: cosa scegliere quindi? Anzitutto, è necessario capire bene quali sono le esigenze del singolo studente. Gli iPad infatti sono uno strumento che fa della versatilità il proprio punto di forza, mentre i MacBook offrono ovviamente maggior potenza di calcolo e uno spazio di lavoro superiore.

Leggero e resistente, l’iPad in tutte le sue declinazioni è incredibilmente immediato nell’utilizzo, grazie al touch e a un form factor che lo rende di facile impugnatura, e presenta quindi un modo altamente interattivo e coinvolgente di offrire i contenuti. Inoltre, ha un’autonomia estremamente lunga, attorno alle 10 ore, una dotazione hardware sufficientemente potente da risultare sempre fluido e un parco di oltre 180mila app dedicate all’apprendimento scolastico. Quando inoltre c’è bisogno di fare qualcosa di più articolato, l’iPad consente anche l’uso congiunto di una tastiera ed è dotato di pennino digitale, per poter quindi anche disegnare o creare progetti.

Photo credit - depositphotos.com

Non bisogna poi sottovalutare la componente software. Già attualmente, con iOS 12, il tablet dell’azienda di Cupertino offre diversi vantaggi, come ad esempio l’app File per tenere tutto sottocchio in un unico posto, dai documenti alle foto e ai video ospitati in cloud, e il Dock, che consente di avere a portata di mano tutti i file che si utilizzano più di frequente. Da non sottovalutare inoltre il fatto che, entro l’anno, la maggior parte dei modelli riceverà l’aggiornamento del sistema operativo ad iPadOS, una variante di iOS sviluppata espressamente per il tablet Apple. iPadOS, infatti, introdurrà piccole ma cruciali novità, che consentiranno ad esempio un utilizzo migliore dello spazio di lavoro disponibile e funzioni come Slide Over, Split View e lo switch Exposé, che renderanno ancora più comoda l’operatività in multitasking, passando al volo da un’app all’altra. iPadOS inoltre aggiungerà il supporto a memorie esterne come ad esempio le chiavette USB e, probabilmente, anche la possibilità di collegare un mouse.

I MacBook invece, essendo dei notebook, offrono ovviamente una potenza di calcolo più elevata, senza imporre comunque una rinuncia all’uso in mobilità, grazie a peso e dimensioni contenute. Dotati di tutti i vantaggi già visti per gli iPad, come la compatibilità con i programmi più comuni, uniscono in più lo spazio di visualizzazione dei grandi e nitidissimi display Retina, una sicurezza elevata, una comodità d’uso maggiore, dovuta alla tastiera integrata e all’ampio touchpad, e un’autonomia che non teme una giornata scolastica.

Modelli e caratteristiche

I modelli di iPad differiscono per dimensioni e dotazione hardware; vediamo di inquadrarne rapidamente le caratteristiche, così da individuare facilmente il modello più adatto alle proprie esigenze.

iPad mini

ipadmini

iPad mini, come suggerisce il nome, è il modello più piccolo e compatto in assoluto, una sorta di taccuino che, nelle sue seppur ridotte dimensioni, sa però fare magie. Dotato di un display Retina da 7,9 pollici con tecnologia True Tone per una riproduzione naturale e credibile dei colori, è mosso da un chip A12 Bionic con Neural Engine, sufficientemente potente per un utilizzo non troppo impegnativo, ad esempio con software di video editing o fotoritocco, e che resta versatile grazie alla compatibilità con la Apple Pencil, costituendo così uno strumento essenziale per chi studia.

iPad (sesta generazione)

ipad

L’iPad di sesta generazione è invece il modello standard, sempre portatile, ma con una maggior superficie di visualizzazione grazie al display Retina con diagonale da 7,9 pollici. Si tratta in realtà di una soluzione con una potenza di calcolo leggermente inferiore rispetto all’iPad mini, utilizzando un chip A10 Fusion, ma con una maggior versatilità, dovuta al supporto per tastiere esterne, alla presenza del pennino e alla possibilità di un multitasking più efficiente grazie all’ampio spazio disponibile.

iPad Air

ipad_air

iPad Air rappresenta il giusto connubio tra i due modelli precedenti, in quanto presenta lo stesso processore A12 Bionic dell’iPad mini e un display Retina ancora più grande dell’iPad, con diagonale da 10,5 pollici e tecnologia True Tone. La versatilità è assicurata dalla compatibilità con Apple Pencil e Smart Keyboard e, con un peso inferiore ai 500 grammi e uno spessore di soli 6,1 millimetri, l’iPad Air può stare comodamente nello zaino ed è ancora facile da tenere in mano e da usare anche senza poggiarlo su una superficie piana.

iPad Pro

ipad_pro

iPad Pro è il modello di punta, quello più completo e versatile. Il processore infatti è un A12X Bionic, ancora più potente di quello utilizzato per iPad mini e iPad Air, che offre prestazioni simili a quelle di molti portatili. Il display Retina inoltre è davvero ampio, con una diagonale da 11 o anche 12,9 pollici, mentre per lo storage si può arrivare a 1 TB di spazio dedicato all’archiviazione, come per molti notebook. Se abbinato poi alla tastiera Smart Key e al pennino digitale, iPad Pro si trasforma quasi in un portatile vero e proprio, consentendo l’uso anche di software impegnativi, ma con una portabilità comunque superiore a quella della maggior parte dei notebook.

MacBook Air

macbook

Scegliere il portatile è invece più semplice perché Apple propone due modelli, MacBook Air e MacBook Pro, col primo che fa della leggerezza e della compattezza i propri punti di forza. Pesante appena 1,25 kg e realizzato per la prima volta in alluminio riciclato al 100%, l’Air offre un ampio display Retina da 13,3 pollici e una configurazione hardware che, con una CPU Intel Core i5, 8 o 16 GB di RAM e fino a 1 TB di spazio per l’archiviazione, non teme di misurarsi anche con i task più complessi e i software più impegnativi, senza contare che ha un’autonomia di ben 12 ore di navigazione Web tramite WiFi, che lo rende perfetto anche per una giornata all’Università.

MacBook Pro

macbook_pro

Il MacBook Pro è il modello di punta. Con un display Retina da 13 o 15 pollici offre il più ampio spazio di lavoro tra tutti i tablet e portatili Apple, mentre la configurazione, con processore Intel Core i5 o i7, fino a 16 GB di RAM (32 sul modello da 15 pollici) e uno spazio di archiviazione che può raggiungere i 2 TB per il modello da 13 pollici e i 4 TB per quello da 15, non teme rivali.

Siamo quindi di fronte a un portatile che può quasi sostituirsi a un desktop, con dimensioni e peso comunque contenuti e una notevole autonomia. La tastiera retroilluminata e un parco porte ampio assicurano poi il massimo comfort di utilizzo in ogni situazione e la possibilità di espanderne ulteriormente le capacità.