CPU

Rullo compressore distrugge oltre 1.000 Mining Rig, ecco il video quasi ASMR

Come potete vedere dal filmato allegato a questa notizia, la polizia della città malese di Miri ha distrutto attrezzature impiegate in precedenza per effettuare il mining illegale di Bitcoin per un valore stimato di circa 1,06 milioni di euro (5,3 milioni di RM).

Credit: YouTube
Mining Rig

Il capo della polizia del distretto di Miri, Hakemal Hawari, ha dichiarato al Dayak Daily che 1.069 Mining Rig sono state raccolte nel corso di sei raid che hanno portato all’arresto di sei persone, tutte accusate di aver rubato la fornitura di energia elettrica, “multate fino a 8.000 RM [circa 1.608 euro] e incarcerate fino a otto mesi”, secondo una versione tradotta del rapporto.

Questi sequestri impallidiscono rispetto ai circa 408 milioni di dollari (346,59 milioni di euro) in criptovalute confiscati recentemente dal Metropolitan Police Service. Ma ci sono due fattori chiave che fanno risaltare questo caso: la polizia di Miri ha letteralmente distrutto tantissime apparecchiature informatiche nel bel mezzo di una carenza globale di chip e lo ha fatto davanti alle telecamere.

Ovviamente, si tratta di ASIC e non di certo delle migliori schede video agognate da milioni di giocatori in tutto il mondo. Tuttavia, il successo di Bitcoin è più che indirettamente collegato al successo o al fallimento di monete il cui mining è basato su GPU, come Ethereum.

Non si tratta certo del primo arresto effettuato dalla polizia di miner ben organizzati che rubavano elettricità per i loro scopi, ma questa è la prima volta che le forze dell’ordine distruggono le attrezzature coinvolte addirittura con un rullo compressore.

Cercate una buona scheda madre da accoppiare ai nuovi processori Ryzen? ASUS ROG Strix X570-F con 14 fasi di alimentazione potrebbe essere una buona scelta. La trovate su Amazon a un buon prezzo.