Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

Ryzen 2000, SiSoftware pubblica (per errore) i propri test

I Ryzen 2000 saranno annunciati ufficialmente nella seconda metà di aprile (19 aprile). Come di consueto iniziano a circolare indiscrezioni sempre più concrete sulla nuova gamma di proposte e le sue prestazioni.

Nelle ultime ore qualcuno in casa SiSoftware deve aver cliccato il tasto sbagliato nel CMS del sito, dato che sono finiti online i test di due processori, Ryzen 5 2600 e Ryzen 7 2700X, a confronto con l'attuale Ryzen 7 1700X e il Core i7-6700K.

Leggi anche: AMD, i piani 2018 per il settore processori e schede video

Non si tratta di test con giochi o software, ma di prove svolte con Sandra, che quindi vanno a saggiare le capacità delle architetture sotto varie sfaccettature. Ecco i test che, seppur rimossi, sono stati "catturati" da occhi vigili e mani veloci e ripubblicati su molti siti (cliccate sulle immagini per ingrandirle):

AMD Ryzen 2700X 2600 Arithmetic Native
AMD Ryzen 2700X 2600 Cache Memory Code Latency
AMD Ryzen 2700X 2600 Cache Memory Transfer
AMD Ryzen 2700X 2600 Core Memory Data Latency
AMD Ryzen 2700X 2600 Cryptography Native
AMD Ryzen 2700X 2600 Financial ANalysis Native
AMD Ryzen 2700X 2600 ImageProessing Native
AMD Ryzen 2700X 2600 Inter Core Latency
AMD Ryzen 2700X 2600 Inter Core Transfer
AMD Ryzen 2700X 2600 Java Arithmetic
AMD Ryzen 2700X 2600 Java Vectorised
AMD Ryzen 2700X 2600 Memory Transactions
AMD Ryzen 2700X 2600 NET Aritmetic
AMD Ryzen 2700X 2600 NET Vectorised
AMD Ryzen 2700X 2600 Scientific ANalysis Native
AMD Ryzen 2700X 2600 Vector SIMD Native

SiSoftware fa notare come i nuovi Ryzen garantiscano i miglioramenti per quanto riguarda bandwidth e latenza annunciati da AMD.

La situazione potrebbe persino migliorare con l'uscita di nuovi firmware dopo il lancio, tanto che secondo SiSoftware i nuovi processori "non deluderanno chi sceglie di aggiornare e probabilmente aumenteranno la quota di mercato di AMD. AMD è qui per restare!".

Latenza, bandwidth e velocità nelle comunicazioni inter-core sono importanti per ottenere prestazioni migliori nel gaming (ma non solo), e perciò tali miglioramenti, accoppiati a un ulteriore affinamento delle prestazioni di memoria, lasciano ben sperare.

SiSoftware ha confermato buona parte delle specifiche dei processori oggetto della prova, già trapelate in passato. Anzitutto si conferma il supporto alla memoria DDR4-2933 come le soluzioni Raven Ridge. Poi la configurazione di core e thread, 8 / 16 per il Ryzen 7 e 6 / 12 per il Ryzen 5, come i modelli di prima generazione.

Il 2700X dovrebbe essere accompagnato da un TDP di 105 watt, con frequenze tra 3,7 e 4,2 GHz (ma forse riuscirà a spingersi fino a 4,35 GHz in determinati casi a detta di precedenti voci).

Il Ryzen 5 2600 dovrebbe avere invece un TDP di 65 watt e frequenze di 3,4 / 3,9 GHz. Le frequenze saliranno quindi del 10% e questo dovrebbe aiutare nei carichi che meno usano i thread, come i giochi.


Tom's Consiglia

I Ryzen 2000 stanno arrivando, ma la prima generazione rimane una proposta più che valida al momento. Ryzen 5 1600 costa sempre meno.