Tom's Hardware Italia
CPU

Prestazioni con i videogiochi

Pagina 5: Prestazioni con i videogiochi
Configurazione di prova Di seguito potete vedere le due postazioni i prova che abbiamo adottato per i test principali, mentre abbiamo usato altre piattaforme di supporto che vedete nelle foto. Per questa prova abbiamo ricevuto diverse schede madre, che testeremo nelle prossime settimane. Abbiamo messo a confronto i due nuovi Ryzen 3000 con un Core […]

Configurazione di prova

Di seguito potete vedere le due postazioni i prova che abbiamo adottato per i test principali, mentre abbiamo usato altre piattaforme di supporto che vedete nelle foto. Per questa prova abbiamo ricevuto diverse schede madre, che testeremo nelle prossime settimane.

Abbiamo messo a confronto i due nuovi Ryzen 3000 con un Core i9-9900K e un Core i7-9700K, e aggiunto nei test i risultati del Ryzen 2700X, come raffronto generazionale diretto con il 3700X. Purtroppo non abbiamo avuto abbastanza tempo per aggiungere altri processori ed effettuare approfondimenti sulle singole tecnologie proprie dell’architettura Zen 2.

Se ci avete seguito in questa settimana, avrete visto che abbiamo gestito differenti lanci di nuovi prodotti, dalle RTX 2060 e 2070 SUPER, alle RX 5700 e 5700 XT. Abbiamo già pianificato nelle prossime settimane molti approfondimenti, oltre ai test degli altri processori Ryzen che riceveremo. Insomma, sarà un’estate piena di novità, approfondimenti, e articolo da leggere sotto l’ombrellone.

Piattaforma di Prova Ryzen

Processore Ryzen 9 3900X / Ryzen 7 3700X
Scheda madre Asus ROG Crosshair VIII Formula
RAM G.Skill Trident Royal DDR4-3600 CL16-16-16-36 (1,35V) / FC4-3600C16D-16GTRG
Alimentatore Asus ROG Thor 850M / 850 watt
SSD Corsair MP600 2TB PCIe 4.0
Samsung SSD 860 EVO M.2 500 GB
Dissipatore Boxato – Wraith Prism RGB
Banchetto Dimastech Mini V1.0
GPU Asus ROG Strix RTX 2080
OS Windows 10 Pro, versione 1903

Piattaforma di prova Intel

Processore Intel Core i9-9900K / Intel Core i7-9700K
Scheda madre Asus ROG Z390 Maximus XI Hero (WiFi)
RAM G.Skill Trident Royal DDR4-3600 CL16-16-16-36 (1,35V) / FC4-3600C16D-16GTRG
Alimentatore Asus ROG Thor 850M / 850 watt
SSD Corsair MP600 2TB PCIe 4.0
Samsung SSD 860 EVO M.2 500 GB
Dissipatore Noctua NH-U12A
Banchetto Dimastech Mini V1.0
GPU Asus ROG Strix RTX 2080
Windows 10 Pro, versione 1903

Benchmark utilizzati

Per testare le prestazioni dei processori adottiamo i seguenti benchmark. Prima di elencarli, una promessa: abbiamo scelto alcuni giochi un mix di titoli per valutare meglio le prestazioni pure delle CPU. Anche per questo motivo, abbiamo testato in Full HD, in quanto alle risoluzioni maggiori il carico si sposta sulla GPU, sgravando il processore. Per quanto concerne i software di produttività, l’obiettivo era esporre tanto le prestazioni single-thread quanto quelle multi-core. Per questo la suite è molto varia e ampia.

Videogiochi World of Warcraft
GTA V
Civilization VI IA
Forza Horizon 4
AC Odyssey
Metro Exodus
Rage 2
Rainbow Six Siege
The Division 2
The Witcher 3
Software di produttività

PCMark 10
Lame (1T)
POV-Ray (1T / tutti i core)
Blender
Cinebench R20 (1T / tutti i core)
Corona
3DMark Physics
HandBrake
7-Zip (compressione / decompressione)

Prestazioni con i giochi

Abbiamo messo alla prova differenti titoli, principalmente alla ricerca di un mix che possa farci capire le prestazioni derivanti direttamente dall’IPC e dalla presenza di molteplici core-

GTA V

GTA V

GTA V non sfrutta il numero elevato di core, ed è più soggetto alla frequenza di funzionamento. Ritroviamo quindi i processori Intel, che possono accelerare fino a vette vicino ai 5GHz, alla vetta della classifica. Il 9700K si dimostra, in diversi casi, migliore del 9900K, situazione che a prima vista potrebbe sembrare addirittura un errore del benchmark. In realtà non è così, abbiamo già visto questo comportamento in altri casi, ed è tutto legato al multi threading che se non gestito in maniera corretta dai giochi porta a un overhead nei processi che si riflette negativamente sulle prestazioni generali.

World of Warcraft

World of Warcraft

In WoW ritroviamo la situazione vista in GTA V; anche dopo la patch che ha portato alcuni funzioni DX12, lo scaling su più core è limitato, e non tale da fare la differenza sui processori che gestiscono molti thread in contemporanea. L’elevata frequenza di Boost definisce ancora i processori migliori.

Sid Meier’s Civilization 6

Civilization 6

Per Civilization vi mostriamo il test IA, non quello grafico, quindi non si può considerare un vero test che definisce le prestazioni in gioco, ma ci mostra come effettivamente quando si usano più core la situazione cambi radicalmente. In questo caso le prestazioni scalano subito all’aumento di core, per poi appiattirsi dopo 6-8 core. Infatti possiamo vedere il salto che si ha passando da 9700K a 9900K, mentre i processori Ryzen sono migliori, ma non c’è un sostanziale incremento, anche considerando il raffronto generazionale tra 2700X e i nuovi Ryzen 3000 – che fanno comunque meglio.

F1 2019

F1 2019

F1 ci da uno sguardo molto reale di quello che potrebbe succedere se gli sviluppatori di giochi iniziassero a prendere seriamente lo scaling multi-core delle CPU. In altre parole, in un gioco ottimizzato per avvantaggiarsi del numero di core, la differenza tra i nuovi Ryzen e i processori Intel è molto importante.

AC: Odyssey

AC: Odyssey

AC: Odyssey ci mostra un quadro interessante. Questo gioco tende a usare più core, se disponibili, ma lo scaling sui core fisici è certamente più impattante. Ma anche l’efficienza dell’architettura è importante, nonché la massima frequenza con quei calcoli che non scalano sui core. Insomma, un risultato che è un mix di più specialità. La bontà del 9700K rimane impressionante, ma anche segnale di come gli sviluppatori di giochi non riescano ancora a sfruttare realmente le novità del mercato delle CPU. In ogni caso, le prestazioni del 3900X ci mostrano i passi avanti che ha fatto l’architettura Zen 2 di AMD.

Metro Exodus

Metro Exodus

Metro Exodus mostra poche differenze, la complessità del titolo lo lega alle prestazioni della scheda grafica e il risultato finale è che le CPU non riescono a fare così tanta differenza.

Rage 2

Rage 2

Rage 2 usa i più core disponibili delle CPU, meglio di molti altri titoli usciti ultimamente, ma è anche suscettibili all’efficenza dell’architettura, motivo per cui vediamo una differenza delle prestazioni con i processori Ryzen 3000 in cima alla classica, ma la differenza tra i risultati non è così enorme.

Rainbow Six Siege

R6 Siege

Rainbow Six Siege è completamente l’opposto di Rage, l’elevata frequenza decreta le prestazioni migliori.

The Division 2

The Division 2

The Division 2 si comporta come Rainbow Six, con i processori Intel che fanno meglio, anche se di poco, rispetto i Ryzen 3000.

The Witcher 3

The Witcher 3

The Witcher 3 è ottimizzato per il multi core, ma è limitata al numero di core che può realmente usare. Questo titolo ci dice probabilmente più delle prestazioni dell’architettura, piuttosto che della capacità di scalare su più core, e questo è certamente un bene per Zen 2 e i nuovi Ryzen 3000.