Storage

Samsung 870 QVO 1TB | Recensione

La serie QVO di Samsung prende il nome dalla memoria utilizzata, di tipo QLC; si tratta di celle in grado contenere 4 bit, meno veloci delle TLC (in cui si possono inserire 3 bit per cella) ma più economiche e che consentono di avere una capacità maggiore. Quest’ultimo punto si riflette sul Samsung 870 QVO oggetto di questa recensione, disponibile in tagli fino a 8TB.

L’SSD di Samsung dispone di un nuovo controller e sfrutta le memorie V-NAND V5 a 9 strati prodotte dalla società. Il form factor è il classico 2,5” e l’interfaccia è SATA, per cui l’azienda dichiara una velocità massima di 560 MB/s in lettura e di 530 MB/s in scrittura. Il modello che abbiamo testato è quello da 1TB, ma come detto è disponibile anche una variante con ben 8TB di capacità.

Per migliorare le prestazioni e la resistenza dell’870 QVO, Samsung utilizza la stessa tecnologia di cache TurboWrite SLC vista sul vecchio 860 QVO. Si tratta di un sistema di caching ibrido che sfrutta sia una cache SLC statica da 6GB che una dinamica da 36-72GB, a seconda della capacità dell’SSD. Il modello da 1TB che abbiamo a disposizione offre 42GB di cache TurboWrite.

Il Samsung 870 QVO ha una resistenza sopra la media degli SSD QLC, che per la variante da noi testata si attesta sui 360TB. La garanzia è invece limitata a 3 anni, contro i 5 anni solitamente offerti da altri brand.

Prodotto 870 QVO 1TB 870 QVO 2TB 870 QVO 4TB 870 QVO 8TB
Capacità (utente / grezza) 1000GB / 1024GB 2000GB / 2048GB 4000GB / 4096GB 8000GB / 8192GB
Form Factor 2.5″ 7mm 2.5″ 7mm 2.5″ 7mm 2.5″ 7mm
Interfaccia / Protocollo SATA 6.0 Gb/s / AHCI SATA 6.0 Gb/s / AHCI SATA 6.0 Gb/s / AHCI SATA 6.0 Gb/s / AHCI
Controller Samsung MKX ‘Metis’ Samsung MKX ‘Metis’ Samsung MKX ‘Metis’ Samsung MKX ‘Metis’
DRAM LPDDR4 LPDDR4 LPDDR4 LPDDR4
Memoria Samsung 9xL QLC Samsung 9xL QLC Samsung 9xL QLC Samsung 9xL QLC
Lettura sequenziale 560 MBps 560 MBps 560 MBps 560 MBps
Scrittura sequenziale 530 MBps 530 MBps 530 MBps 530 MBps
Lettura casuale 98,000 IOPS 98,000 IOPS 98,000 IOPS 98,000 IOPS
Scrittura casuale 88,000 IOPS 88,000 IOPS 88,000 IOPS 88,000 IOPS
Sicurezza AES 256-bit, TCG/Opal V2.0, IEEE1667 AES 256-bit, TCG/Opal V2.0, IEEE1667 AES 256-bit, TCG/Opal V2.0, IEEE1667 AES 256-bit, TCG/Opal V2.0, IEEE1667
Resistenza (TBW) 360 TB 720 TB 1,440 TB 2,880 TB
Garanzia 3 anni 3 anni 3 anni 3 anni

Tra le funzionalità segnaliamo il supporto a Trim, Smart, cancellazione sicura e crittografia AES 256-bit conforme alla specifica TCG Opal 2.0. I software Samsung’s Magician e Migration possono essere scaricati dal sito Samsung e permettono di monitorare lo stato dell’870 QVO, aggiornarne il firmware, effettuare dei benchmark e clonare i dati da un SSD all’altro.

Il Samsung 870 QVO da 1TB integra un unico package della memoria V-NAND V5 QLC citata prima, all’interno del quale troviamo otto die QLC a 9 strati da 128GB (1Tb). Il controller MKX Metis di Samsung è basato su ARM e può sfruttare 1GB di DRAM LPDDR4 come buffer per la gestione dello spazio NAND e le operazioni in background.

Prestazioni

Abbiamo deciso di confrontare il Samsung 870 QVO con altri due SSD SATA, il Teamgroup T-Force Delta Max e il GoodRAM CX400. Qui sotto vi lasciamo una tabella con la configurazione di prova su cui abbiamo installato gli SSD per effettuare i vari test.

Processore AMD Ryzen 9 3900X (acquistabile qui)
Dissipatore Asus ROG Ryujin 360 (acquistabile qui)
Scheda madre Asus ROG X570 Crosshair VIII Hero (acquistabile qui)
RAM G.Skill TridentZ Royal 16 GB 3600 MHz (acquistabile qui)
Archiviazione SSD PCIe 4.0 Corsair MP600 2 TB (acquistabile qui)
Alimentatore Asus ROG Thor 850M (acquistabile qui)
Scheda video Asus ROG Strix RTX 2080 Ti (acquistabile qui)
Sistema operativo Windows 10 versione 1909 (acquistabile qui)

CrystalDiskMark

Con CrystalDiskMark abbiamo eseguito dei test per ottenere un valore nominale delle prestazioni dell’unità, questo per quanto riguarda i valori in lettura/scrittura. Nei grafici abbiamo incluso come valori casuali quelli inerenti al dato QD1. Quando ci riferiamo al Queue Depth ovvero la “profondità di coda”, intendiamo quante operazioni di I/O (IOPS) il sistema operativo è in grado di inviare ad un determinato dispositivo, prima di attendere una risposta (a una qualsiasi di queste operazioni) da esso.

Per l’utilizzo quotidiano della stragrande maggioranza degli utenti, il valore QD1 rappresenta quello più interessante per poter determinare o meno l’acquisto, in quanto la maggior parte delle operazioni che eseguiamo vertono su questo valore.

Il test delle prestazioni sequenziali effettuato con CrystalDiskMark non riserva sorprese: il Samsung 870 QVO fa registrare valori in linea con quelli riportati dal produttore.

Il Samsung 870 QVO ottiene buoni risultati anche nel test di prestazioni casuali, superando sia il T-Force Delta Max che il GoodRAM CX400 e assicurando sempre un’ottima reattività.

DiskBench

Con DiskBench cerchiamo di ottenere un valore che possiamo usare per indicare un utilizzo tipico “reale”, e quindi testare le velocità di copia e lettura dell’unità di archiviazione usando dati scelti dall’utente, per ottenere un dato nelle prestazioni il più fedele possibile.

Abbiamo scelto per il test di copia una cartella di 30 GB, per simulare il più possibile un carico reale abbiamo inserito nella cartella file di diverso tipo e dimensioni come immagini, video e documenti vari. Il Samsung 870 QVO raggiunge i 477,3 MB/s, superando il T-Force Delta Max di circa 20 MB/s. Decisamente più indietro il CX400, che come abbiamo visto già in passato ha qualche problema nella copia di file di grandi dimensioni.

Nel test di lettura utilizziamo invece un singolo file da 6GB. In questo benchmark il Samsung 870 QVO si ferma a 406 MB/s e risulta il peggiore dei tre, con il T-Force Delta Max che risulta 80 MB/s più veloce.

Final Fantasy XIV Stormblood

Ultimo come di consueto, il benchmark su Final Fantasy XIV Stormblood. Il test integrato in questo titolo ci permette di ottenere un valore per quanto riguarda i possibili tempi di caricamento di scenari all’interno di giochi reali.

Qui il Samsung 870 QVO offre performance convincenti, raggiungendo un tempo di caricamento medio di 11,3 secondi e risultando più veloce del T-Force Delta Max e del GoodRAM CX400 di quasi 4 secondi.

Conclusioni

Il Samsung 870 QVO è un SSD che punta ad offrire agli utenti un’ampia capacità, sacrificando parzialmente le prestazioni. Come abbiamo visto dai nostri test le performance non sono in realtà troppo diverse da quelle di altri SSD SATA provati e, pur non raggiungendo le velocità di alcuni modelli top di gamma, il nuovo 870 QVO mette a disposizione dell’utente buone prestazioni in lettura e scrittura, tempi di caricamento dei giochi ridotti e un’ottima reattività.

La variante da 1TB che abbiamo provato è disponibile a 110 euro, prezzo mediamente superiore a quello di altri SSD da 1TB che costano tra i 90 e i 100 euro e offrono 5 anni di garanzia anziché 3. Discorso diverso per il modello da 8TB, disponibile a circa 850 euro: al momento l’unico altro SSD a raggiungere questa capacità è il Sabrent Rocket Q, unità che usa il protocollo NVMe ma che costa la bellezza di 1500 euro.

Cosa scegliere quindi? Se avete bisogno di tantissimo spazio di archiviazione e non volete avere a che fare con la lentezza di un classico Hard Disk, il Samsung 870 QVO da 8TB è un prodotto da prendere in seria considerazione, soprattutto se non volete spendere quasi il doppio per il Sabrent Rocket Q. Se invece volete semplicemente acquistare un nuovo SSD da 1TB su cui installare tutti i vostri giochi il Samsung rimane un’ottima opzione, ma in fase di scelta ricordate che sul mercato esistono alternative altrettanto valide e più economiche, come il Crucial MX500.

Samsung 870 QVO 1TB


Il Samsung 870 QVO è l'unico SSD SATA sul mercato a poter vantare una capacità massima di 8TB, caratteristica che lo rende l'unica scelta possibile per chi necessita di moltissimo spazio, ma non vuole optare per un classico Hard Disk ne spendere più del doppio per il Sabrent Rocket Q da 8TB. Abbiamo apprezzato molto la presenza della crittografia AES-256 bit, la resistenza sopra la media e le prestazioni nel caricamento dei giochi. Peccato per la garanzia di soli 3 anni, inferiore rispetto a quella di 5 anni offerta da altri produttori.

Pro

  • Capacità fino a 8TB;
  • Resistenza sopra la media degli SSD QLC;
  • Crittografia AES-256 bit.

Contro

  • Garanzia limitata.