Storage

Risultati: scritture sequenziali 128 KB

Pagina 6: Risultati: scritture sequenziali 128 KB

Risultati: scritture sequenziali 128 KB

Scrittura sequenziale 128 KB

Qui l'analisi si fa più complicata. Quando abbiamo provato l'Extreme II di SanDisk, la nostra configurazione basata su Iometer ha portato a ottenere risultati negativi. Non erano terribili, ma avevamo notato che un range LBA più grande del normale dava problemi alle unità. Sospettavamo che il loro comportamento fosse attribuibile alla tecnologia nCache di SanDisk.

Allo stesso modo la lunghezza del test a ogni queue depth significa che i nostri risultati si scontravano con la velocità massima dell'SSD 840 EVO, penalizzando i modelli più capienti per via della cache più ampia dedicata al Turbo Write.

Prendete l'SSD 840 EVO da 120 GB come esempio. Dovrebbe raggiungere circa i 400 MB/s. Come abbiamo spiegato, però, alloca 9 GB di capacità per mettere in cache 3 GB di scritture. L'eccedenza viene scritta nella rimanente memoria TLC con una velocità inferiore. L'SSD 840 EVO da 250 GB inizia quasi 100 MB/s più veloce. Se avessimo bloccato il test solo dopo un paio di secondi, avreste visto un throughput simile a 500 MB /s poiché la cache non sarebbe ancora stata piena.

Le versioni da 500 GB e 1 TB non possono andare oltre i 500 MB/s che ci saremmo aspettati perché, nuovamente, stiamo superando la capacità delle rispettive cache. Il maggior spazio messo da parte e il parallelismo portano a risultati che sono più vicini ai numeri massimi del Turbo Write specificati da Samsung.

Senza sorprese, l'SSD 840 EVO da 120 GB è al livello dell'SSD 840 da 250 GB. La vecchia unità non gode del controller più veloce o del caching. Queste funzioni aiutano l'840 EVO da 120 GB a tenere il passo di un 840 con una capacità doppia.

L'SSD 840 EVO da 250 GB è alla pari dell'SSD 335 con dati non comprimibili e ci sono i due SSD 840 EVO più capienti che quasi reclamano le prime posizioni nel nostro test.

La tecnologia Turbo Write di Samsung spinge l'SSD 840 EVO da 120 GB tra gli SSD 840 da 120 e 250 GB. L'EVO da 250 GB si trova tra due unità Intel. Gli SSD 840 EVO non raggiungono il loro massimo nel nostro test Iometer, ma 460 MB/s non sono certamente da buttare via!