Storage

SandForce SF-2000, SSD super veloci contro Intel

SandForce lancia il guanto di sfida a Intel con i controller per Solid State Drive (SSD) della serie SF-2000. Questi controller – che saranno venduti ai produttori di SSD – promettono prestazioni in lettura e scrittura sequenziale rispettivamente fino a 500 MB/s contro i 260 MB/s raggiunti ad esempio dall’SF-1500.

SandForce assicura prestazioni in lettura e scrittura fino a 60.000 IOPS (operazioni di input/output al secondo). Oltre a supportare nativamente l’interfaccia SATA 6 Gbps (SATA III) e i chip NAND flash MLC, eMLC ed SLC prodotti a 3x e 2x nanometri, i controller SF-2000 sono compatibili con dischi fino a 512 GB e le interfacce Asynch, Toggle e ONFi2 Flash. Trattandosi di soluzioni inizialmente rivolte al mondo professionale, non mancano un motore di correzione errori fino a 55 bit per settori 512 byte, la codifica AES 256/128-bit e opzioni di risparmio energetico.

SandForce presenta inizialmente tre controller SF-2000. SF-2300 per soluzioni di archiviazione industriale e il duo SF-2500 e SF-2600 per SSD enterprise. L’azienda non ha ancora annunciato con quale modello rimpiazzerà l’attuale modello consumer SF-1200.

SF-2500 – clicca per ingrandire

La nuova linea di controller è interessante perché consente di sfruttare la nuova interfaccia SATA 6 Gbps quasi interamente, imponendola come uno standard da implementare al più presto su tutte le schede madre.
I controller promettono inoltre un deciso passo in avanti nelle prestazioni degli SSD. Il gap con gli hard disk può solo aumentare. Ultimo ma non meno importante il confronto con Intel. Ieri sono trapelate le specifiche degli X25 di terza generazione (SSD Intel X25-M e X25-E G3, specifiche dettagliate) e indubbiamente i nuovi controller di SandForce promettono davvero grande battaglia.