Storage

Seagate pronta con gli SSD PCI Express grazie a Virident

Seagate Technology ha siglato un accordo strategico con Virident Systems per sfondare nel mercato enterprise delle soluzioni di archiviazione basate su memoria Flash. L'azienda statunitense ha sugellato questo patto d'acciaio con un investimento economico (40 milioni di dollari) in Virident, guadagnando così anche un posto nel consiglio di amministrazione del partner tecnologico.

In base all'accordo Seagate offrirà immediatamente una linea completa di schede d'archiviazione NAND Flash con interfaccia PCI Express a OEM e distributori. Virident realizza infatti una linea di soluzioni PCI Express FlashMAX II con capacità da 550 GB a 2.2 TB, sia con memoria MLC che SLC. Le due aziende inoltre collaboreranno, mettendo a frutto la reciproca esperienza per creare soluzioni hardware e software di prossima generazione per il mercato degli SSD.

Si tratta di un'intesa che dovrebbe garantire vantaggi reciproci. Seagate, colosso del mondo degli hard disk insieme a Western Digital, ha la necessità di avere nel suo portfolio soluzioni NAND Flash competitive che finora non è stata in grado di realizzare. Virident ha quel che le serve per ottenere il suo scopo. A sua volta Seagate può contare su un canale di distribuzione oliato, un nome importante e molti, molti soldi. Qualità che invece mancano a Virident.

"La nostra strategia nell'ambito della memoria allo stato solido è basata sia sullo sviluppo all'interno dell'azienda che attraverso partnership strategiche con aziende innovative per offrire il portfolio più ampio nell'industria. Crediamo che questo accordo strategico rafforzi immediatamente la nostra posizione di leader nel mercato dell'archiviazione enterprise aggiungendo alla nostra gamma un'ampia linea di soluzioni PCIe. Guardiamo al futuro per una partnership lunga e produttiva con Virident", ha dichiarato Gary Gentry, vicepresidente senior e general manager del settore SSD di Seagate.

Da non dimenticare che l'azienda statunitense non molto tempo fa ha deciso d'investire nell'israeliana DensBits. Le due aziende stanno collaborando nello sviluppo di SSD a basso costo ed alte prestazioni per i mercati consumer ed enterprise. I frutti del lavoro congiunto dovrebbero farsi concreti prossimamente – o almeno si spera. Seagate a ogni modo offre già una gamma di SSD, chiamati Pulsar, dedicati al settore professionale. Hanno capacità fino a 200 GB e interfaccia SATA 6 Gbps, anche se esiste un modello chiamato Pulsar.2 da 800 GB con interfaccia SAS da 6 Gbit/s.