Schede madre

Spazio illimitato per gli utenti Google Video

Quanto si dice che gli statunitensi fanno le cose in grande si pensa sopratutto alle dimensioni dei loro menu da fast food, alle auto e alle città – senza ovviamente considerare le implicazioni psicologiche di tutto questo sull’ego. Ma da quando Google si è messa in testa di dominare il mondo online anche la semantica mostra i suoi limiti. Già, perché sui blog di esperti IT circola una voce a dir poco sorprendente, confermata poi dalle stesse FAQ di Google Video.

http://www.tomshw.it/articles/20060619/gvideo1.jpg

La nuova piattaforma di condivisione dei filmati di Google Video, concorrente di YouTube e Yahoo Video, non dispone di alcuna limitazione nell’uploading. In pratica, mentre gli altri mettono a disposizione non più di 100 MB per utenza… Google Video richiede solo l’utilizzo di una piattaforma Windows o Mac e la presenza di un accesso broadband. Lo spazio non è un problema. Anzi, i tecnici Google consigliano di uploadare i proprio file con la più alta risoluzione possibile.

http://www.tomshw.it/articles/20060619/gvideo2.jpg

Ma come faranno a gestire questa incredibile mole di dati? Secondo il New York Times sfrutteranno le potenzialità di un nuovo complesso – attualmente in costruzione vicino al fiume Columbia, sul confine tra Oregon e stato di Washington. Una struttura gigantesca che disporrà di un centro di computing, dalle dimensioni paragonabili a due campi di football americano, e di due strutture di raffreddamento monumentali.  

http://www.tomshw.it/articles/20060619/gvideo3.jpg

Che dire? Avanti con l’upload fino alla saturazione del Web!