Storage

SSD con nuovi controller SandForce 3000: chi li ha visti?

Era la fine del 2013 e i controller SandForce la facevano davvero da padrone nel mondo degli SSD. L'azienda, allora nelle mani di LSI (recentemente è stata acquistata da Seagate), annunciò la nuova gamma di controller SandForce 3000, più in particolare un insieme di soluzioni note come SF3700 con supporto tanto all'interfaccia SATA quanto a quella PCI Express (2.0 x4).

Da allora – e sono passati più di dieci mesi – non se ne è però saputo più nulla. In molti si aspettavano un debutto nei primi SSD nella seconda metà di quest'anno, ma a quanto pare bisognerà aspettare la prima parte del prossimo per vedere qualcosa sul mercato. Ad affermarlo è l'edizione cinese di Vr-Zone, secondo la quale SandForce inizierà a distribuire i controller ai propri clienti nel mese di dicembre.

Sembra fortunatamente scongiurata, almeno per il momento, l'ipotesi di una Seagate decisa a usare SandForce solo a fini propri, eliminando di fatto dal mercato uno dei produttori di controller per terzi parti se escludiamo Marvell, Phison e JMicron.

Un bel sospiro di sollievo per tutte quelle aziende che non si chiamano Samsung, Intel, Micron (Crucial) oppure OCZ (Toshiba) e perciò non hanno in mano la progettazione di controller e la produzione di memoria NAND Flash. Non è chiaro come mai SandForce faccia passare così tanto tempo tra l'annuncio e l'effettiva disponibilità dei controller: problemi tecnici, di software o solamente una conseguenza delle manovre societarie? Chissà, le indiscrezioni non offrono una risposta definitiva a tale quesito.

Samsung 850 Pro da 128 GB Samsung 850 Pro da 128 GB
Intel SSD 730 da 240 GB Intel SSD 730 da 240 GB
OCZ Vector 150 da 120 GB OCZ Vector 150 da 120 GB

Nel 2015 dovremmo assistere al debutto di diverse soluzioni sia dotate d'interfaccia M.2, SATA Express che la classica SATA 6 Gbps. Usando le linee PCI Express i nuovi prodotti potrebbero raggiungere prestazioni di 1,8 GB/s sia in lettura che scrittura sequenziale, ma anche toccare 150.000 IOPS e 81.000 IOPS rispettivamente in lettura e scrittura casuale.

Le prestazioni con l'interfaccia SATA 6 Gpbs saranno minori: 550/502 MB/s in lettura e scrittura sequenziale e 94.000/46.000 IOPS in lettura e scrittura casuale. Questi almeno sono i dati distribuiti da SandForce quasi un anno fa: saranno confermati nei fatti o in questi mesi è cambiato qualcosa? Per scoprirlo non ci resta che attendere.