Storage

SSD in crescita costante, più costa più vende

La domanda di SSD è in crescita in tutti i settori. In quello consumer OCZ testimonia un aumento delle vendite in tutti i segmenti.

“Stiamo assistendo a una buona crescita della domanda su una gamma completa di SSD. Questa continua a essere la nostra categoria di prodotti in maggiore espansione. La ripresa economica, la maturità degli SSD e la riduzione dei prezzi sono fattori positivi”, ha dichiarato Alex Mei, vicepresidente esecutivo e capo del marketing.

I prezzi per le soluzioni meno capienti sono scesi sotto i 100 dollari, anche se la maggior parte delle vendite per OCZ sono rappresentate dalle soluzioni di fascia più alta, le serie Vertex, Vertex 2, Colossus e Z-Drive.

“I  consumatori hanno maggiore familiarità con gli SSD. I vantaggi e il prezzo per gigabyte in calo li rendono più allettanti”, ha concluso Alex Mei.

Sul fronte enterprise, invece, le previsioni di crescita sono di quasi il 90 percento annuo tra oggi e il 2015. Il dato riguarda gli SSD nei server enterprise e le SAN (storage area network). Il mercato degli SSD “professionali” passerà dalle 150 mila unità del 2010 agli oltre 4,1 milioni del 2015. Il fatturato medio dovrebbe crescere del 55 percento annuo, dai 510 milioni di quest’anno ai 3,8 miliardi del 2015.

In questo lasso di tempo ci sarà un calo dei prezzi e, grazie all’evoluzione dei controller, assisteremo al passaggio delle memorie flash SLC alle MLC. L’interfaccia SCSI prenderà il sopravvento sulla Fibre Channel, prima dell’avanzata del PCIe.

La crescita degli SSD andrà a discapito degli hard disk enterprise. Attualmente il rapporto è di 10 a 1 in favore degli hard disk, ma si raggiungerà il 2,5:1 entro la fine del 2015.