Storage

SSD più capienti con la compressione NTFS, come abilitarla e cosa aspettarsi

Pagina 1: SSD più capienti con la compressione NTFS, come abilitarla e cosa aspettarsi

Introduzione

Chi ha un PC deve gestire diversi possibili colli di bottiglia, dalla CPU alla scheda grafica, alla poca RAM. La capacità dell’hard disk invece non è un problema, infatti al giorno d’oggi anche i dischi da 2,5 pollici -quelli dei notebook – offrono fino a 750 GB e oltre. Considerate le dimensioni di un’installazione Windows resta un sacco di spazio per giochi, musica, video e fotografie. Chi ha un desktop può anche scegliere tra i dischi da 3,5 pollici, e portare la capacità del proprio PC a tre terabyte od oltre.

Tra l’altro anche i prezzi degli hard disk sono tutt’altro che impegnativi – almeno prima delle alluvioni in Tailandia che hanno danneggiato molte fabbriche. In ogni caso riempire tanto spazio sarebbe una bella impresa per la maggior parte di noi, anche se chi ha una grande collezione di video potrebbe farcela più o meno facilmente.

Comunque sia la capacità dell’hard disk non è più un problema, a meno che non vogliate usare un SSD per avere prestazioni migliori. Con questi prodotti lo spazio a disposizione è poco e molto caro, oltre un dollaro per gigabyte.

Gli SSD più piccoli offrono circa 60 GB di spazio e si riempiono più o meno con l’installazione di Windows e poche applicazioni essenziali, come la suite da ufficio e la posta elettronica. Il problema della scarsa capacità è amplificato dal fatto che il wear leveling fa sì che un SSD troppo pieno offra prestazioni ridotte, quindi sarebbe meglio non usare tutto lo spazio a disposizione. Per questo molti produttori suggeriscono un sistema ibrido, che prevede un SSD per il sistema operativo e le applicazioni più importanti (dove contano le prestazioni), e un hard disk tradizionale per tutto il resto.

Abbiamo già visto in passato alcuni metodi per recuperare spazio con un SSD (Aumentare velocità e spazio di un SSD, miti alla prova), e oggi vedremo vantaggi e svantaggi di un’altra possibilità offerta direttamente da Windows. Basta attivarla, senza fare altro. Stiamo parlando della compressione del file system NTFS.

Vedremo quali sono i possibili risultati e quando conviene usare questa funzione, senza dimenticare di rispondere ad alcune domande su come abilitare la compressione, quali dati sono coinvolti, quanta capacità si può ottenere in questo modo e come cambiano le prestazioni.