Periferiche di Rete

Supercomputer exascale, primo prototipo cinese nel 2017?

La Cina ha già il supercomputer più potente al mondo, il Sunway TaihuLight, ma il paese asiatico vuole andare ben oltre in poco tempo, e per questo secondo l'agenzia di stampa Xinhua il primo prototipo di supercomputer "exascale" sarà pronto entro l'anno.

Stiamo parlando di un sistema capace di fare almeno un exaFLOPS di calcoli al secondo, ossia un miliardo di miliardi di operazioni al secondo, altro che i diversi milioni di miliardi degli attuali supercomputer di classe petaFLOPs.

Sunway TaihuLight

Zhang Ting, ingegnere del National Supercomputer Center, ha dichiarato che il prototipo sarà realizzato prima della fine dell'anno, ma non sarà operativo se non tra alcuni anni, probabilmente nel 2020. "Sarà 200 volte più potente rispetto al primo computer petaflops del paese, il Tianhe-1, il supercomputer più veloce nel 2010".

Leggi anche: Giappone al lavoro sul supercomputer più potente al mondo

Benché del progetto non vi siano dettagli, la Cina sembra quindi sulla buona strada per essere la prima raggiungere l'ambizioso traguardo. Diverse nazioni, Giappone e Stati Uniti incluse, stanno gettando le basi per i supercomputer exascale, con il Dipartimento dell'Energia statunitense che punta ad avere un sistema tanto potente per il 2023.

Leggi anche: Chip x86, Power9 e ARM in un unico supercomputer

L'ultima classifica TOP500, che elenca i supercomputer più potenti al mondo, vede Cina e Stati Uniti testa a testa con 171 supercomputer ciascuno. È probabile che la potenza asiatica supererà a breve, magari già a giugno, la concorrenza. Con i supercomputer si fanno simulazioni di ogni tipo, dalla ricerca sul nucleare a nuovi materiali, per passare alle malattie rare fino ai modelli metereologici di lungo periodo e molto altro ancora.

Intel Xeon E5-2690 v4 Intel Xeon E5-2690 v4