Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

Test AMD Ryzen Threadripper 1900X

Pagina 1: Test AMD Ryzen Threadripper 1900X

Ryzen Threadripper 1900X

Ryzen Threadripper 1900X


Inizialmente la gamma di CPU Ryzen Threadripper prevedeva due modelli, 1920X e 1950X. All'ultimo minuto AMD ha aggiunto una variante meno costosa, Threadripper 1900X, un modello con 8 core e 16 thread compatibile con il socket TR4 delle motherboard X399.

L'azienda ha quindi creato una porta d'ingresso alla nuova piattaforma, permettendo di spendere meno a chi desidera un sistema con tutti i crismi di una workstation ma non ha immediato bisogno di CPU con 12 o più core. Con gli stessi core delle CPU Ryzen 7, questo modello troverà una sua ragion d'essere? Prima di passare ai test, parliamo di specifiche tecniche.

Specifiche

Ryzen Threadripper 1900X ha una frequenza base di 3,8 GHz, che è la più alta nella gamma Threadripper. Il processore è in grado di arrivare fino a 4,2 GHz se avete un dissipatore adeguato. I due controller di memoria dual-channel si combinano per offrire un ampio bandwidth aggregato, senza parlare del supporto fino a 512 GB di memoria DDR4.

Questo è un vantaggio rilevante rispetto al controller dual-channel del 1800X. Il 1900X supporta anche UDIMM ECC e offre connettività extra: fino a 64 linee PCI Express 3.0 e più porte USB di Ryzen 7 1800X, che è limitato a 16 linee PCIe.

Perché è importante tutta questa maggiore connettività? Potrebbe essere utile a chi ha più GPU, schede di cattura video o grandi sistemi di archiviazione NVMe. AMD offre la possibilità di creare sistemi avviabili NVMe RAID 0, 1 e 10 fino a un massimo di 10 SSD, mentre Intel richiede un esborso aggiuntivo per un dongle vROC (Virtual RAID-on-CPU) al fine di sbloccare tutte le potenzialità.

Ci sono chiare differenze nell'architettura tra 1900X e Ryzen 7 1800X. Per farla breve, i Threadripper distribuiscono i core attivi su due die e tutti e quattro i CCX quad-core contenuti. Al fine di contenere la latenza, AMD ha confinato i core attivi del 1900X in un singolo CCX all'interno di ogni die.

Ogni CCX ha 8 MB di cache L3 condivisa, quindi disattivare due CCX rimuove gran parte di questa cache. Questo fa sì che il modello in questione abbia 16 MB di cache L3, mentre gli altri modelli arrivano a fino a 32 MB. Fortunatamente nessun cambiamento ha interessato la memoria o i controller di I/O.

  Thread. 1950X Thread. 1920X Core i7-7820X Thread. 1900X Ryzen 7 1800X
Socket/
Chipset
TR4/X399 TR4/X399 LGA 2066/X299 TR4/X399 AM4/X370
Core/
Thread
16/32 12/24 8/16 8/16 8/16
TDP 180W 180W 140W 180W 95W
Freq. base (GHz) 3.4 3.5 3.6 3.8 3.6
Freq. Boost (GHz) 4.0 (4.2 XFR) 4.0 (4.2 XFR) 4.3 / 4.5 (TB 3.0) 4.0 (4.2 XFR) 4.0 (4.1 XFR)
Cache (L2+L3) 40MB 38MB 19MB 20MB 20MB
Supporto
memoria
DDR4-2666 DDR4-2666 DDR4-2666 DDR4-2666 DDR4-2666
Controller
memoria
Quad Channel Quad Channel Quad Channel Quad Channel Dual Channel
Molti.
sbloccato
Linee PCIe 64 64 28 64 16

AMD consiglia nei giochi di usare la sua Game Mode per questo processore a otto core. Questa configurazione nasce nel tentativo di confinare il processo dei dati nel die e nel suo controller di memoria (NUMA). Disattiva inoltre un die via software per eliminare la latenza "die to die". Questo significa che la Game Mode tramuta questa CPU in una soluzione con 4 core e 8 thread, come Ryzen 5 1500X e 1400.

Il TDP di questa CPU rimane a 180W, come i modelli con più core. Il numero è notevolmente maggiore rispetto ai 95W di Ryzen 7 1800X e i 140W del Core i7-7820X. Come gli altri Threadripper, dovrete acquistare un dissipatore a parte dato che non c'è in bundle. Come con le CPU Ryzen, AMD ha deciso di usare la saldatura in indio tra die e heatspreader, in modo da favorire lo scambio termico e il margine di overclock.

Per quanto riguarda il prezzo, oltre a quello del processore, dovete tenere conto che le motherboard X399 costano ben di più delle piattaforme X370. Quindi se siete solamente dei giocatori fareste bene a optare per una piattaforma AM4 anziché investire soldi in Threadripper 1900X.